Search Menu
Integratori solari | Come Preparare al Meglio la Pelle al Sole
Integratori solari Come Preparare al Meglio la Pelle al Sole

Integratori solari
Come Preparare al Meglio la Pelle al Sole

Data: 12 giugno 2020
Tag: estate solari

Ormai ci siamo, l'arrivo dell'estate è imminente e finalmente potremo rilassarci al sole e abbronzarci facendo il pieno di buonumore, oltre che di raggi UV. In questo post vedremo i benefici del sole sulla pelle e l'importanza di prepararsi all'estate con integratori solari nutraceutici in grado di favorire l'abbronzatura ed evitano scottature ed eritemi.

Benefici dell'esposizione al sole

ragazza abbronzata in spiaggia

 

Esporsi al sole, con le dovute precauzioni e in misura graduale, permette d'innescare processi benefici per l'organismo come:

  • favorire la fotosintesi della vitamina D
  • alleviare i dolori reumatici;
  • aiutare a minimizzare problemi della pelle come acne, eczema, dermatite seborroica, psoriasi.

Non dimentichiamoci di quella piacevole sensazione di benessere che abbiamo stando al sole! Il La luce del sole sulla pelle stimola il rilascio di neurotrasmettiori cerebrali come la serotonina e la dopamina. È chiaro allora che la tintarella sulla nostra pelle è solo uno dei tanti benefici che l'estate porta con sé. 

Perché è importante prepararsi al sole?

L'abbronzatura, si sa, richiede un approccio graduale e un'adeguata protezione. Trascurare la fase introduttiva e quella protettiva, che prevedono l'applicazione di creme con fattori di protezione UVA e UVB adatte alla propria carnagione e, eventualmente, l'assunzione di appositi integratori solari può infatti provocare:

  • arrossamenti,
  • eritemi,
  • scottature,
  • desquamazione.

Queste problematiche, oltre a essere antiestetiche, sono davvero dannose per la salute della pelle, che perde la sua elasticità favorendo la comparsa di rughe e macchie solari.

Effetti dei raggi UVA e UVB sulla pelle

I raggi UV costituiscono la radiazione ultravioletta contenuta nella luce solare, tanto forte da alterare DNA e proteine. Circa il 3-5% delle onde UV che arrivano sulla terra è costituito dai cosiddetti raggi UVB, quelli che provocano scottature ed eritemi solari, agendo a livello superficiale.

 

I raggi UVA, invece, sono quelli in grado di penetrare gli strati dell'epidermide abbronzando la pelle che, stimolata dalle radiazioni solari, rilascia melanina, una sostanza proteica in grado di assorbire gli UV e bloccarli prima che danneggino i vari strati cutanei.

 

La combinazione di raggi UVB e UVA disidrata fortemente la cute e provoca un maggior afflusso di sangue in superficie, danneggiando le fibre di elastina e di collagene. Questo genera un forte impatto sullo stress ossidativo, producendo radicali liberi.

Integratori solari per proteggere la pelle

La nutraceutica permette di favorire la protezione solare dall'interno, preparando in anticipo la pelle grazie all'impiego d'integratori alimentari ed estratti naturali. Questi prodotti ci permettono di ottenere un'abbronzatura sana e uniforme ma, soprattutto, di attivare le difese cutanee e contrastare i danni causati dal sole e dai radicali liberi. Alcuni degli integratori solari più comuni sono:

  • carotenoidi come il betacarotene,
  • astaxantina,
  • picnogenolo,
  • licopene,
  • vitamine antiossidanti come la C e la E,

Ma anche luteina, oligoelementi come lo zinco, il selenio, il rame, coenzima Q10.

1. Betacarotene

alimenti ricchi di betacarotene

 

La scienza ha dimostrato che la presenza di questo microelemento in misura adeguata permette di ridurre la sensibilità della pelle ai raggi UV di tipo A e B. Il betacarotene (o provitamina A) permette di contrastare i radicali liberi che attaccano la pelle, il cristallino e la retina, diventando un po' il simbolo dei nutraceutici per la protezione solare da abbinare a creme o lozioni topiche. 

 

Il betacarotene è un pigmento giallo-arancione che fa parte dei carotenoidi, pigmenti vegetali che si trovano in grande quantità nella frutta, in certi legumi, carote, peperoni, zucche, patate dolci e nelle alghe come la spirulina. Come una sorta di filtro UV naturale, il betacarotene "assorbe" la porzione di dannosa di luce blu e contribuisce a proteggere la pelle dai raggi altamente energetici che aggrediscono le cellule cutanee.

2. Astaxantina

astaxantina nei cibi

 

Tra i carotenoidi antiossidanti più potenti in natura, l'astaxantina è un pigmento rosso-arancione prodotto dalle microalghe Haematococcus pluvialis che caratterizza anche la colorazione rossastra dei gamberetti e dei salmoni. L'astaxantina è decisamente più potente di betacarotene, alfa-tocoferolo, licopene o della luteina (tutti membri della stessa "famiglia chimica") ed è capace di una potentissima azione di contrasto ai radicali liberi.

 

L'astaxantina ha dimostrato di poter aiutare contro i danni delle radiazioni UV agendo come protezione solare interna che può difendere dalle radiazioni, favorendo così:

  • la prevenzione dell'invecchiamento cutaneo e dell'aumento delle rughe,
  • maggiore elasticità e lucentezza della pelle,
  • più idratazione interna.

A differenza delle protezioni solari topiche, l'astaxantina non blocca i raggi UV, quindi non impedisce agli UVB di convertirsi in vitamina D (quindi questa ce la possiamo "prendere tutta") ma contribuisce a difendere la cute dalle scottature e ridurre l'infiammazione. A questo scopo, una dose giornaliera di 4mg è sufficiente per almeno due settimane prima dell'esposizione. Chi fa attività fisica all'aperto dovrebbe assumerne una dose compresa tra gli 8mg e i 12mg al giorno per estendere i benefici anche sulle prestazioni e sul recupero. 

3. Picnogenolo

corteccia di pino marittimo francese ricca di picnogenolo

 

Altro integratore solare con un'azione protettiva dai danni UV, è il picnogenolo, uno straordinario antiossidante estratto dalla corteccia del pino marittimo francese ricco di nutrienti quali bioflavonoidi e procianidine antiossidanti.

 

Nei confronti della pelle, il picnogenolo aiuta a rinnovarla, idratarla (grazie al miglioramento della circolazione locale) rendendola più elastica, liscia e contrastando l'invecchiamento cutaneo grazie alla sua azione sul collagene ed elastina.

 

Alcuni studi hanno dimostrato che i tempi di esposizione necessari a sviluppare una scottatura solare possono essere aumentati con l'integrazione di picnogenolo, che contribuisce, inoltre, a previene le infiammazioni della pelle causate dai raggi UV.

4. Licopene

alimenti ricchi di licopene

 

Il licopene, della stessa famiglia dei carotenoidi  dell'astaxantina, è da sempre conosciuto per agire da difesa naturale interna ai danni solari. Un interessante studio pubblicato nel 2001 ha trovato, nello specifico, che questo elemento estratto dal concentrato di pomodoro aiuterebbe a proteggere gli individui dalla pelle chiara con una tendenza a scottarsi piuttosto che abbronzarsi.

 

5. Vitamine E e C

La vitamina che aiuta a prevenire danni alla pelle dovuti al sole e che ha una celebre attività antiossidante nei confronti dei radicali liberi è la vitamina E, specialmente se combinata con la vitamina C. Un articolo pubblicato sul sito Micronutrient Information Center dell'Oregon State University discute le molte funzioni della vitamina E per la pelle, osservando che

 

"(...) la vitamina E può assorbire energia dalla luce UV, quindi svolge un ruolo importante nella fotoprotezione, prevenendo i danni provocati dai radicali liberi alla pelle."

 

 

Referenze

  • Freitas JV, et al. Trans-resveratrol and beta-carotene from sunscreens penetrate viable skin layers and reduce cutaneous penetration of UV-filters. Int J Pharm. 2015 Apr 30;484(1-2):131-7.
  • Stahl W, Sies H. ß-Carotene and other carotenoids in protection from sunlight. Am J Clin Nutr. 2012 Nov;96(5):1179S-84S.
  • Arakane K (2002) Superior skin protection via astaxanthin. Carotenoid Science 5: 21-24.Goto S, Kogure K, Abe K, Kimata K, Kitahama K, Yamashita E, Terada H (2001) Efficient radical trapping at the surface and inside the phospholipid membrane is responsible for highly potent anti- oxidative activity of the carotenoid astaxanthin. Biochim Biophys Acta 1515: 251258.
  • Seki T, Sueki H, Kono H, Suganuma K, Yamashita E (2001) Effects of astaxanthin from Haematococcus pluvialis on human skin-patch test; skin repeated application test; effect on wrinkle reduction. Fragrance J 12: 98-103.



Sharing is Caring!






FAI SENTIRE LA TUA VOCE!
Opinioni, dubbi, richieste: lasciaci un commento