Nutrizione

La dieta macrobiotica: approccio alimentare o stile di vita?

La dieta macrobiotica: approccio alimentare o stile di vita?

di in Nutrizione

ultima modifica: 05 settembre 2017

  italiano change italiano english français español


La dieta macrobiotica più che un approccio alimentare la si può considerare un vero e proprio stile di vita.

La dieta macrobiotica più che un approccio alimentare la si può considerare un vero e proprio stile di vita.

Le origini

il suo primo divulgatore fu un medico giapponese, Nyioti Sakurazawa, che osservando e imitando l'alimentazione dei monaci buddisti ne sviluppò le basi.
La MB abbraccia la cultura e la filosofia orientali, perseguendo il salutismo attraverso il raggiungimento dell'equilibrio tra lo Yin e lo Yang.
Distinguiamo dunque:

  • cibi acidi-Yin  quali latte e derivati, frutta, tè, spezie ecc.
  • cibi alcalini-Yang  come sale, carne, pesce, pollo, uova ecc.

il concetto base è la ricerca del bilancio tra queste fonti alimentari promuovendo l'assunzione di alcuni cibi considerati “naturalmente bilanciati” come ad esempio cereali, legumi e semi oleosi. L'alimentazione in questo contesto acquisisce un'importanza fondamentale nell'equilibrio tra corpo e mente (macrobiotico origina dal greco makros + bios e significa grande/lunga vita).

Cosa è consigliato evitare e cosa assumere

  • Evitare cibi sofisticati/raffinati e prediligere alimenti di produzione naturale;
  • Evitare lo zucchero e i dolci, come sostituto utilizzare in primis malto di cereale altrimenti sciroppo di riso o di frumento;
  • Assumere frutta e ortaggi come fonte di fibre e zuccheri semplici, sconsigliati pomodori, patate e le melanzane;
  • Prediligere i prodotti della pesca alla carne (massimo 4 volte alla settimana) ed in questi casi va evitata l’assunzione di legumi;
  • Non eccedere con: il latte ed i derivati, le spezie, il sale di terra ed il caffè (sostituibile con altre bevande);
  • Proibiti i crostacei;
  • La frutta secca va consumata occasionalmente ed è consigliabile evitare le noci;
  • Si dovrebbe evitare il consumo di insaccati;
  • Evitare l’uovo;
  • Preferire il pane integrale;
  • La pizza si può consumare occasionalmente, poco elaborata e con minime quantità di pomodoro e mozzarella;
  • Come insaporitore a crudo, il sale può essere sostituito dal gomasio;
  • L’aceto di vino va evitato (sostituibile con l’umeboshi);
  • Il tè andrebbe sostituito con il tè bancha giapponese oppure il tè kukicha, il cui contenuto in caffeina è bassissimo (se non nullo);
  • Evitare sia i superalcolici sia le bevande gassate e zuccherate;
  • Non esagerare con il consumo di acqua (cosa che nella stragrande maggioranza degli approcci alimentare è sconsigliata);

NB: La dieta macrobiotica cura la masticazione al fine di garantire l'efficacia digestiva e l'appagamento gustativo.

Caratteristiche della dieta macrobiotica

  • L'elevata assunzione di cibi liquidi o brodosi induce una riduzione del fabbisogno d'acqua e favorisce l'assorbimento dei soluti di cottura.
  • percentuale proteica in prevalenza di origine vegetale (consiglio per chi non fosse esperto negli approcci vegetariani/vegani ecc, di consultare un professionista che gli possa consigliare le fonti e gli abbinamenti più adatti).
  • fabbisogno energetico sostenuto abbondantemente dai glucidi.
  • La ripartizione glucidi complessi e glucidi semplici è bilanciata nella maggior parte dei casi.
  • Quota lipidica ridotta e inoltre il rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi non è ottimale.
  • L'abitudine di preferire il pesce alla carne e il consumo elevato di ortaggi favoriscono il raggiungimento dei livelli di assunzione raccomandata di lipidi essenziali sia omega 3 che omega 6.
  • Gli utensili da cucina per la cottura dovrebbero essere soprattutto recipienti in acciaio inox, ferro smaltato o ghisa, mentre sono da evitare i recipienti in alluminio o rame.
  • Riguardo l'ambiente e alle modalità di consumo dei pasti si punta alla ricerca di ambiente tranquillo e atteggiamento rilassato, con focus su una lunga masticazione.

Impostazione tipo in percentuale

  • 50%: cereali integrali in chicchi
  • Dal 20 al 30%: verdure di stagione crude e cotte
  • Dal 10 al 20%: di carne bianca o pesce oppure legumi nonché seitan, crocchette di soia ecc.
  • 10%: frutta fresca di stagione oppure alghe

Tag: alimentazione giapponesealimentazione veganaalimentazione vegetarianadieta macrobioticaNyioti Sakurazawa

Articoli consigliati:

L'agmatina: scopriamola insieme

L'agmatina è un'amina biogena (un composto azotato prodotto per decarbossilazione microbica di un amminoacido, in questo caso l'arginina) scoperta… leggi tutto

La paleodieta - prima parte

La paleodieta è un approccio alimentare basato sull'assunto (errato) in base al quale, a livello genetico e fisiologico, l'uomo dal paleolitico… leggi tutto

Alimenti integrativi naturali

Gli alimenti integrativi possono essere utili per quelle persone che vogliono aumentare il valore nutritivo dei loro pasti. Gli integratori possono… leggi tutto