Search Menu
 
Cookie policy
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Intolleranza al lattosio
Intolleranza al lattosio

Intolleranza al lattosio

Autore:
Data: 13 settembre 2017

Il lattosio è lo zucchero presente naturalmente nel latte e nei latticini. Per essere digerito nell'intestino tenue e assorbito nel flusso sanguigno, il lattosio richiede la lattasi. Questo enzima può venire eliminato da ripetuti attacchi di diarrea, lasciando l'intestino momentaneamente intollerante al lattosio. Quando il lattosio non può venire digerito nell'intestino tenue, prosegue nell'intestino crasso (il colon) e comincia a fermentare per opera dei batteri presenti in quel tratto. Questa fermentazione produce gas. Inoltre, il contenuto altamente zuccherino attira acqua nel colon per aiutare a diluire lo zucchero. Liquido e gas insieme danno una sensazione di gonfiore e malessere e possono provocare ulteriore diarrea. In alcuni pazienti con la diarrea, il lattosio può attraversare il tratto gastrointestinale prima che venga assorbito il contenuto energetico del latte.
I sintomi, che possono verificarsi subito dopo il consumo di lattosio o qualche ora dopo, variano da leggeri a gravi a seconda della quantità presente di lattasi e della quantità di lattosio consumata.

Consigli per controllare l'intolleranza al lattosio

  1. Se avete il sospetto di aver momentaneamente sviluppato un'intolleranza al lattosio in conseguenza di particolari farmaci o diarrea, dovreste evitare latte e latticini ad alto contenuto di lattosio. Molte persone con questo problema possono tollerare piccole quantità di lattosio nella dieta e di solito non è necessario un regime ferreo.
  2. Cercate di mantenere il consumo di lattosio al di sotto del livello in cui cominciate ad avvertire i sintomi. Per individui con grave intolleranza, l'assunzione dovrebbe aggirarsi intorno ai 3g al giorno, mentre per un'intolleranza leggera può arrivare a 12g al giorno. Questa quantità andrebbe consumata nell'arco della giornata e non tutta insieme.
  3. Oltre a limitare la quantità di lattosio nella dieta, valutate la possibilità di assumere un integratore di lattasi in compresse. Integratori di questo tipo sono in vendita senza prescrizione in gran parte delle farmacie. Potete anche acquistare una versione in gocce da aggiungere al latte 24 ore prima del consumo. In commercio si trova facilmente anche un latte a ridotto contenuto di lattosio. Si tratta di un latte trattato con lattasi e non contenente lattosio ma glucosio e galattosio. Può avere un gusto più dolce del latte normale, ma non ha un maggiore contenuto di zuccheri: essi sono solo presenti in forma diversa.

Contenuto di lattosio in alimenti comuni

 

Alimento o bevanda Porzione Lattosio
Latte (intero, parzialmente scremato, scremato) o latticello 250ml (1 tazza) 12g
Latte scremato in polvere 75ml (1/3 di tazza) 12g
Latte di capra 250ml (1 tazza) 11g
Yogurt bianco (magro) 250ml (1 tazza) 8g
Gelato 125ml (1/2 tazza) 5g
Yogurt alla frutta (magro) 250ml (1 tazza) 4-5g
Latte condensato (intero) 30ml (2 cucchiai) 4g
Latte evaporato 30g 3-4g
Fiocchi di latte (Cottage cheese) 125ml (1/2 tazza) 3g
Budino (pronto) 125ml (1/2 tazza) 2g
Formaggio cremoso 30g 1-2g
Formaggio americano confezionato 30g 1g
Panna acida 30ml (2 cucchiai) 1g
Burro o margarina 15ml (1 cucchiaio) tracce
Panna (5%, 10%, 18% o 35%) 30ml (2 cucchiai) tracce
Formaggio svizzero, Cheddar, parmigiano, gorgonzola o mozzarella 30g tracce
Panna montata (spray) 30ml (2 cucchiai) tracce
     
Fonte: www-lactaid.com



Sharing is Caring!






FAI SENTIRE LA TUA VOCE!
Opinioni, dubbi, richieste: lasciaci un commento



Acquista in sicurezza su IAFSTORE
Sconto 10% extra sul primo ordine