Benessere La Parola all'Esperto

Termogenici Naturali | Le Sostanze che Aiutano a Ridurre il Grasso in Eccesso

Termogenici Naturali | Le Sostanze che Aiutano a Ridurre il Grasso in Eccesso


I termogenici naturali sono principi attivi, erbe e piante che contribuiscono ad aumentare il metabolismo e la temperatura corporea, favorendo i processi di dimagrimento e aiutando a "bruciare" il grasso in eccesso. Ecco quali sono i più efficaci.

Premessa sugli integratori termogenici

integratori termogenici

 

Chi di noi non sta cercando di bruciare i grassi in eccesso accumulati durante gli scorsi mesi? Prima di addentrarci nelle possibilità che ci offre la natura in questo senso, è doveroso premettere che esistono degli ottimi integratori termogenici basati su determinati elementi naturali che possono aiutare il nostro corpo a bruciare i grassi in maniera più efficiente e a perdere peso.

 

Queste sostanze, però, hanno senso solo se abbinate a una dieta mirata (preferibilmente pianificata da un professionista del settore) e all'attività fisica costante, che è il miglior strumento per bruciare le calorie in eccesso. Un integratore termogenico assunto "da solo", senza il supporto fondamentale dello sport e della dieta, non produce alcun risultato tangibile.

Come si brucia il grasso in eccesso

Con il termine "bruciare i grassi" intendiamo sia la quantità di calorie che si consumano durante l'attività fisica, sia l'effetto metabolico che l'attività stessa ha nell'aumentare il metabolismo basale. Questo effetto si ottiene attraverso un aumento del dispendio energetico, che richiederà una maggiore distruzione dei lipidi immagazzinati per produrre energia.

Come funzionano i termogenici naturali

peperoncino e caffè: due alimenti termogenici

 

 

Gli integratori "brucia-grassi" sono costituiti da elementi naturali che provocano un aumento della temperatura corporea, il che favorisce un consumo maggiore di lipidi da parte dell'organismo. Modificando la capacità fisica di produrre calore a favore di un innalzamento del metabolismo, questi integratori vanno ad agire quindi sulla combustione del grasso, accelerando i processi di "liberazione" dal suo stoccaggio nelle riserve adipose. A questo proposito, ci sono diverse sostanze in natura che favoriscono queste attività, per esempio:

  • CLA (Acido Linoleico Coniugato),
  • caffeina,
  • caffè verde,
  • tè verde,
  • capsaicina,
  • L-acetilcarnitina,

CLA (Acido Linoleico Coniugato)

 

L'acido linoleico coniugato (CLA) è considerato un acido essenziale in quanto il nostro organismo non è in grado di produrlo e la quantità che si riceve dalla dieta (lo troviamo in buone quantità nella carne rossa e nei prodotti caseari), è spesso piuttosto scarsa.

 

Il CLA non aumenta il metabolismo, quindi non è un agente termogenico "diretto" di per se. Di base agisce accrescendo l'efficacia di utilizzo dei nutrimenti (lipidi e glucidi) e favorendo il trasporto del grasso accumulato nelle riserve adipose così da essere utilizzato a livello energetico, riducendone la capacità di stoccaggio

Caffeina

 

La caffeina viene assorbita dall'intestino e va ad agire sul sistema nervoso, sull'apparato cardiovascolare e sul tessuto adiposo stesso. A livello nervoso, la caffeina agisce su una zona dell'ipotalamo che regola la temperatura corporea (azione termogenica diretta). Facendola aumentare modicamente, soprattutto sotto sforzo, permette di aiutare il corpo a consumare più grassi.

 

Essa agisce sui surreni, sia direttamente, sia attraverso l'azione del sistema nervoso centrale, dove stimola la liberazione delle catecolammine che, oltre a incrementare le prestazioni fisico-mentali, incrementano la disponibilità dell'utilizzo dei grassi come combustibile.

Caffè verde

 

Rispetto al ben più noto caffè nero, il caffè verde è molto meno acido. Il pH del caffè crudo infatti è di circa 5 contro i 3 - 3,5 del caffè tostato, per cui risulta meno irritante nei confronti della mucosa gastrica. Il caffè verde è capace di favorire l'utilizzo degli acidi grassi a scopo energetico alla presenza dell'acido clorogenico. Questa preziosa sostanza aiuta a ridurre l'assorbimento dei lipidi assunti tramite l'alimentazione e contribuisce a eliminare quelli già presenti nel corpo. Inoltre,è in grado di stimolare l'adiponectina, che favorisce l'azione brucia-grassi.

 

In ambito di un regime alimentare mirato e controllato l'acido clorogenico impedisce alle mucose intestinali di assimilare una certa parte degli zuccheri introdotti con l'alimentazione. Ne consegue un minor livello glicemico nel sangue, che aiuta a prevenire la comparsa di picchi che potrebbero comportare alterazioni del metabolismo, formazione di grasso addominale e, nelle persone predisposte, diabete.

Tè verde

 

Le proprietà "brucia grassi" del tè verde sono emerse grazie a uno studio del 2005 pubblicato sul Journal of Clinical Nutrition, che ha concluso che le persone che hanno bevuto il tè arricchito con estratto di tè verde, hanno perso più peso rispetto a quelle che hanno bevuto il tè classico. Anche se il tè nero e tè verde provengono dalla stessa pianta, le foglie di tè verde sono fermentate in modo diverso, non ossidano prima della cottura a vapore e asciugatura, mantenendo intatto il contenuto di polifenoli e catechine.

 

Non solo questi nutrienti  hanno poteri anti-infiammatori e antiossidanti ma favoriscono il processo termogenico del corpo grazie a una catechina detta epigallocatechina gallato (EGCG), che ha la capacità di accelerare la perdita di peso. Quando combinata con il contenuto di caffeina naturale del tè verde, l'EGCG stimola il sistema nervoso centrale e trasforma il grasso in "energia" da bruciare.

I risultati in termini di diminuzione del peso corporeo ottenuti con il tè verde sono da attribuirsi a diversi fattori. Dalla termogenesi indotta, alla diminuzione dell'appetito, alla capacità del tè di regolare i trigliceridi in eccesso e di contribuire a stabilizzare lo zucchero nel sangue. Non solo! Questa sostanza inibisce anche l'azione degli enzimi coinvolti nella degradazione dei grassi (lipasi) a livello intestinale, con conseguente ridotto assorbimento.

Capsaicina (peperoncino)

 

S tratta di un alcaloide caratteristico delle piante del genere Capsicum, ovvero il peperoncino. La capsaicina stimola il tasso metabolico secondario all'attività β-adrenergica, che si ritiene sia secondario al rilascio di adrenalina dalle ghiandole surrenali. Oltre a stimolare i recettori della lingua, agisce anche su quelli situati a livello del tessuto adiposo bruno (BAT) che ha la funzione di rilasciare il grasso sotto forma di calore. Il rilascio di catecolamine dalle ghiandole surrenali viene alla fine ricondotto all'attivazione del recettore TRPV1 da parte della capsaicina. L'attivazione di questo recettore ha dimostrato di causare lipolisi nelle cellule adipose, aiutando le cellule stesse a rilasciare il grasso nel flusso sanguigno in modo che sia più facile da usare come energia.

 

Legandosi a tali recettori, quindi, la capsaicina spinge il BAT a disperdere energia come calore (termogenesi), anziché immagazzinarla come grasso. Il peperoncino aiuta a prevenire la sensazione di fame e aumentare quella di sazietà, perché riduce l'attività della grelina (ormone prodotto dalle cellule endocrine del pancreas, dello stomaco e da alcuni neuroni presenti nell'ipotalamo), che stimola il segnale dell'appetito. Attenzione però: le persone particolarmente sensibili alla capsaicina possono avere fenomeni di bruciore di stomaco dopo l'assunzione.

L-Acetilcarnitina

 

L'ACL è un aminoacido che viene prodotto dall'organismo a partire dagli aminoacidi lisina e metionina ed è presente soprattutto nella carne e nei prodotti caseari. Rispetto alla nota l-carnitina, l'ACL è maggiormente assorbibile a livello intestinale ed essendo liposolubile arriva agevolmente dal torrente sanguigno in tutti i tessuti nei quali agisce. La carnitina favorisce i livelli di energia trasportando gli acidi grassi nei mitocondri delle cellule, dove possono essere bruciati e utilizzati come combustibile dal corpo.

 

Sebbene molte persone assumono la carnitina per accelerare la combustione dei grassi e quindi perdere peso, i benefici della carnitina comprendono molte più funzioni, come il miglioramento della funzione cerebrale, la regolazione della glicemia, la prevenzione del danno muscolare e l'aumento della resistenza negli sportivi. L'acetilcarnitina agisce anche a livello del sistema nervoso, sia centrale che periferico in occasione di ipossie, invecchiamento precoce, problematiche neurologiche legate all'assunzione di alcool e schiacciamenti dei nervi. L' acetilcarnitina si è dimostrata essere ben più efficace rispetto alla semplice forma libera di carnitina, vista la sua elevata biodisponibilità e non si trasforma in ACL finché non si svolge una dura attività fisica. La carnitina migliora inoltre l'azione dell'insulina sulle cellule muscolari e può aiutare a mantenere in equilibrio i livelli di glucosio nel sangue, aiutando anche il ripristino del glicogeno in caso di attività fisica intensa e/o prolungata.

Avvertenze

Le persone con patologie di natura cardiaca, ipertensiva, diabetica, renale, metabolica, psichiatrica o che utilizzano farmaci per terapie croniche dovrebbero astenersi dall'utilizzare integratori brucia grassi senza la preventiva approvazione di un medico. È sconsigliato l'uso anche in caso di gravidanza.

 

 

Referenze

  • Dietary Conjugated Linoleic Acid and Body Composition Yanwen Wang1, Peter J H Jones Am J Clin. Nutr. 2004 Jun;79(6 Suppl):1153S-1158S. doi: 10.1093/ajcn/79.6.1153S.
  • A review on effects of conjugated linoleic fatty acid (CLA) upon body composition and energetic metabolism Tatiana Ederich Lehnen, Marcondes Ramos da Silva, Augusto Camacho, Aline Marcadenti, and Alexandre Machado Lehnen J Int Soc Sports Nutr. 2015; 12: 36. Published online 2015 Sep 17. doi: 10.1186/s12970-015-0097-4
  • Conjugated Linoleic Acid Reduces Visceral and Ectopic Lipid Accumulation and Insulin Resistance in Chronic Severe Hypertriacylglycerolemia Hana Malinska1, Martina Hüttl2, Olena Oliyarnyk2, Miriam Bratova2, Ludmila Kazdova Nutrition. Jul-Aug 2015;31(7-8):1045-51. doi: 10.1016/j.nut.2015.03.011. Epub 2015 Apr 20.
  • Coffee Abundant in Chlorogenic Acids Reduces Abdominal Fat in Overweight Adults: A Randomized, Double-Blind, Controlled Trial. Watanabe T, Kobayashi S, Yamaguchi T, Hibi M, Fukuhara I, Osaki N. Nutrients. 2019 Jul 16;11(7):1617. doi: 10.3390/nu11071617.
  • Regularly consuming a green/roasted coffe blend reduces the risk of metabolic syndrome. Sarriá B, Martínez-López S, Sierra-Cinos JL, García-Diz L, Mateos R, Bravo-Clemente L. Eur J Nutr. 2018 Feb;57(1):269-278. doi: 10.1007/s00394-016-1316-8. Epub 2016 Oct 13.
  • Acute Effects of Capsaicin on Energy Expenditure and Fat Oxidation in Negative Energy Balance Published online 2013 Jul 2. doi: 10.1371/journal.pone.0067786 Pilou L. H. R. Janssens, * Rick Hursel, Eveline A. P. Martens, and Margriet S. Westerterp-Plantenga Daniel Tomé, Editor
  • Is Coffee and Green Tea Consumption Related to Serum Levels of Adiponectin and Leptin? Izadi V, Larijani B, Azadbakht L.Int J  Prev Med. 2018 Dec 5;9:106. doi: 10.4103/ijpvm.IJPVM_37_14. eCollection 2018.
  • Energy restriction combined with green coffee bean extract affects serum adipocytokines and the body composition in obese women. Haidari F, Samadi M, Mohammadshahi M, Jalali MT, Engali KA. Asia Pac J Clin Nutr. 2017;26(6):1048-1054. doi: 10.6133/apjcn.022017.03.
  • Effects of green coffee extract supplementation on anthropometric indices, glycaemic control, blood pressure, lipid profile, insulin resistance and appetite in patients with the metabolic syndrome: a randomised clinical trial. Roshan H, Nikpayam O, Sedaghat M, Sohrab G. Br J Nutr. 2018 Feb;119(3):250-258. doi: 10.1017/S0007114517003439. Epub 2018 Jan 8.
  • Inhibitory effect of green coffee bean extract on fat accumulation and bodyweight gain in mice. Shimoda H, Seki E, Aitani M.BMC   Complement Altern Med. 2006 Mar 17;6:9. doi: 10.1186/1472-6882-6-9.
  • Capsaicin and Related Food Ingredients Reducing Body Fat Through the Activation of TRP and Brown Fat Thermogenesis Adv Food Nutr Res. 2015;76:1-28. Masayuki Saito
  • Addition of Capsaicin and Exchange of Carbohydrate With Protein Counteract Energy Intake Restriction Effects on Fullness and Energy Expenditure Astrid J Smeets1,  Pilou L H R Janssens,  Margriet S Westerterp-Planteng J Nutrition. 2013 Apr;143(4):442-7.  doi: 10.3945/jn.112.170613. Epub 2013 Feb 13.
  • Capsaicinoids and capsinoids. A potential role for weight management? A systematic review of the evidence. Appetite 2012;59(2): p. 341-8. Whiting S, Derbyshire E and Tiwari BK.
  • The effects of capsaicin and capsiate on energy balance: critical review and meta-analyses of studies in humans. Ludy MJ, Moore GE and Mattes RD. Chem Senses 2012;37(2): p. 103-21.
  • Could capsaicinoids help to support weight management? A systematic review and meta-analysis of energy intake data. Appetite 2014;73: p. 183-8. Whiting S, Derbyshire EJ and Tiwari B. Yoneshiro T, et al.
  • Nonpungent capsaicin analogs (capsinoids) increase energy expenditure through the activation of brown adipose tissue in humans. Am J Clin Nutr 2012;95(4): p. 845-50. Yoneshiro T, et al.
  • Capsaicin Increases Sensation of Fullness in Energy Balance, and Decreases Desire to Eat After Dinner in Negative Energy Balance Pilou L H R Janssens1,  Rick Hursel2,  Margriet S Westerterp-Plantenga Appetite. 2014 Jun;77:44-9.  doi: 10.1016/j.appet.2014.02.018. Epub 2014 Mar 12.
  • Dietary capsaicin and its anti-obesity potency: from mechanism to clinical implications Jia Zheng,1 Sheng Zheng,2 Qianyun Feng,2 Qian Zhang,1 and Xinhua Xiao1 Biosci Rep. 2017 Jun 30; 37(3): BSR20170286. Published online 2017 May 11. Prepublished online 2017 Apr 19. doi: 10.1042/BSR20170286
  • The Effect of (L-)carnitine on Weight Loss in Adults: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials M Pooyandjoo1, M Nouhi2, S Shab-Bidar3, K Djafarian4, A Olyaeemanesh5 Obes. Rev 2016 Oct;17(10):970-6. doi: 10.1111/obr.12436. Epub 2016 Jun 22.
  • The Effect of L-Carnitine on Fat Oxidation, Protein Turnover, and Body Composition in Slightly Overweight Subjects Metabolism. 2004 Aug;53(8):1002-6. doi: 10.1016/j.metabol.2004.03.007. Klaus D Wutzke1, Henrik Lorenz

Tag: termogenici

Articoli consigliati:

mTOR e integrazione per massimizzarne l'efficacia

L'mTOR è il centro di controllo della crescita, del metabolismo e della longevità delle cellule sane essendo la sua funzione quella di integrare… leggi tutto

GABA | L'integratore che concilia calma, pace, serenità

Il GABA, o acido gamma-amminobutirrico, è un aminoacido fondamentale che svolge la funzione di neurotrasmettitore e neuromediatore. Il GABA sotto… leggi tutto

Metabolic damage: una silenziosa e impietosa realtà

Nei primi anni del 2000 un noto trainer canadese (Scott Abel) iniziò ad approfondire l'argomento del metabolic damage, definibile come vero e… leggi tutto