Nutrizione Carboidrati

I dolcificanti: cosa sono e quali scegliere

I dolcificanti: cosa sono e quali scegliere

di in Nutrizione - Carboidrati

ultima modifica: 02 gennaio 2018


I dolcificanti (edulcoranti se non naturali) risultano attualmente un argomento molto dibattuto, fanno bene, fanno male ecc.

I dolcificanti (edulcoranti se non naturali) risultano attualmente un argomento molto dibattuto, fanno bene, fanno male ecc…

Cosa sono i dolcificanti e quali le loro caratteristiche

Partiamo dal capire cos'è un dolcificante. Esso è una sostanza usata per addolcire alimenti o altri prodotti destinati all'uso orale simil additivi alimentari.
Gli edulcoranti presentano un potere dolcificante di gran lunga superiore allo zucchero, fino a 600 volte.
Esistono anche dolcificanti meno calorici dello zucchero come i polioli, usati per sostituire non solo l'effetto dolcificante dello zucchero, ma anche per proprietà funzionali come la sensazione che crea in bocca, il colore ecc... L'eritritolo è l'unico poliolo ipocalorico autorizzato in Europa.

Possiamo individuare tre tipologie differenti di dolcificanti

Dolcificanti naturali

  • Il miele o il fruttosio (si trovano come tali in natura).
  • Il fruttosio ha un indice glicemico più basso dello zucchero mentre il suo potere dolcificante è leggermente superiore di circa il 33%.

Dolcificanti semisintetici

  • Saccarina.
  • Aspartame che ha un potere dolcificante 200 volte superiore rispetto allo zucchero, (altri dolcificanti arrivano fino a 600 volte).

Dolcificanti sintetici

  • Artificiali al 100% sono nati come dolcificanti per diabetici e attualmente si sono diffusi in molti alimenti dietetici.
  • Sono sufficienti piccolissime quantità.

Alcune curiosità sui dolcificanti

  • Le calorie fornite dallo zucchero di canna, grezzo e bianco sono più o meno equivalenti, le differenze sono minime e non significative a livello nutrizionale.
  • Al contrario di quello che si dice non alzano la glicemia (non sono glucosio).
  • Non aumentano l’insulina (la glicemia scenderebbe) o meglio non succede in maniera rilevante salvo quantità elevate.
  • Il miele ha un contenuto calorico più basso rispetto al saccarosio (304 Kcal per 100 grammi contro le 392 Kcal dello zucchero tradizionale e le 362 Kcal dello zucchero di canna) perché più ricco di acqua.
  • Alcuni prodotti "senza zucchero" apportano notevoli quantità di calorie non essendo il sostituto acalorico.
  • Gli edulcoloranti potrebbero aumentare l'appetito e portare a un paradossale aumento di peso.
  • Studi recenti mostrano che i dolcificanti non sono metabolicamente inerti.

 

Tag: cosa sono gli edulcoranticosa sono i dolcificanticuriosità sui dolcificantidolcificanti miti da sfataretipologie di dolcificanti

Articoli consigliati:

Ciclodestrine: la nuova frontiera dei carboidrati

Le ciclodestrine altamente ramificate (HBCD), evoluzione dei già presenti Vitargo, Waxy maize e Karbolyn, sono la nuova classe di supplementi… leggi tutto

Insulino-mimetici e la gestione della glicemia

Negli anni i carboidrati sono stati esaltati e demonizzati, ma il vero problema sta nell'ottimizzarne la loro funzione: vediamo cosa sono gli… leggi tutto

Differenze e modalità di assunzione GlycoBol® e PeptoBol®

Differenze fra GlycoBol® e GlycoBol® Performance. PetoBol®, PeptoBol® Performance e PeptoBol® Recharge. Modalità di assunzione e caratteristiche tecniche. leggi tutto