Nutrizione Vitamine e minerali

Cromo: proprietà e benefici

Cromo: proprietà e benefici

di in Nutrizione - Vitamine e minerali

ultima modifica: 20 novembre 2017


Il cromo è un minerale essenziale presente in concentrazioni di venti parti di cromo per miliardo di parti di sangue. Il corpo contiene circa 6 mg di questo minerale, mentre il sangue ne contiene circa 20 parti per miliardo. Il cromo è essenziale nella nutrizione sia degli animali che degli uomini. A questo minerale è stato recentemente riconosciuto un ruolo importante nel metabolismo dei carboidrati.

Il cromo è un minerale essenziale presente in concentrazioni di venti parti di cromo per miliardo di parti di sangue. Il corpo contiene circa 6 mg di questo minerale, mentre il sangue ne contiene circa 20 parti per miliardo. Il cromo è essenziale nella nutrizione sia degli animali che degli uomini. A questo minerale è stato recentemente riconosciuto un ruolo importante nel metabolismo dei carboidrati. Il cromo organico è un componente di una sostanza chiamata GTF (fattore di tolleranza al glucosio); gli altri componenti sono Ia niacina e alcuni aminoacidi. Il cromo stimola l'attività degli enzimi responsabili del metabolismo del glucosio, utile per l'energia e per la sintesi degli acidi grassi e del colesterolo. E' stato provato che il cromo aumenta l' efficacia dell'insulina e la sua capacità di manipolare il glucosio. prevenendo l'ipoglicemia (troppa insulina) o il diabete (poca insulina). Nel sangue, il cromo trasporta le proteine insieme al ferro. Il cromo ha un ruolo anche nella sintesi delle proteine attraverso legami con le molecole di RNA. Misurare il contenuto del cromo nei cibi non è facile viste le diverse forme in cui si presenta e il diverso tasso di assorbimento da parte del corpo. n cromo inorganico viene assorbito all'1% massimo. Il cromo che si trova nelle uova non può essere completamente utilizzato. Gli alimenti che contengono cromo più biologicamente adatti per il corpo sono: il lievito di birra (il migliore), il fegato, la carne di manzo, il pane integrale (il cromo viene rimosso dal grano raffinato), le barbabietole, la melassa di zucchero di barbabietola, i rognoni di maiale, carni e formaggi e spezie come il pepe nero, il timo e i funghi. L'acqua dura può fornire una percentuale del fabbisogno giornaliero che va dall'1 al 70%.

 

Assimilazione ed immagazzinamento

Il cromo è difficile da assorbire. Soltanto circa il 3% del cromo della dieta viene trattenuto dall'organismo. minerale si deposita soprattutto nella milza, nei reni e nei testicoli; piccole quantità vengono anche depositate nel cuore, nel pancreas, nei polmoni e nel cervello. Il cromo è stato trovato anche in alcuni enzimi e nell'RNA. L'eliminazione avviene principalmente attraverso l'urina; quantità minori vengono perse con le feci. La quantità di cromo presente nell'organismo diminuisce con l'età.

 

Dosaggio e tossicità

Non vi è alcuna dose dietetica consigliata riguardo al cromo, quindi I'assunzione normale viene considerata come dose sufficiente. Le dosi quotidiane di cromo per i bambini sino ai 5 mesi, dovrebbero andare da 0,01 a 0,04 mg; da 5 mesi a 1 anno, da 0,02 a 0,06 mg, da 1 a 3 anni, da 0,02 a 0,08 mg; dai 4 ai 6 anni, da 0,03 a 0,12 mg. I bambini oltre i 7 anni, dovrebbero assumerne da 0,05 a 0,20 mg (da 50 a 200 mìcrogrammi).
Se le dosi eccedono le quantità normali, gli effetti del cromo rovesciano e inibiscono l'attività dell'insulina piuttosto che favorirla. Il cromo esavalente è tossico e l'esposizione a lungo ternine può provocare problemi dermatologici, perforazione del setto nasale e tumore ai polmoni. La forma trivalente è quella presente negli alimenti; non provoca questi disturbi e ha una tossicità molto bassa.

 

Effetti da carenza e sintomi

Anche una leggera carenza di cromo avrà gravi conseguenze sull'organismo. Le ricerche effettuate hanno mostrato che le carenze sistematiche di cromo sono molto comuni negli Stati Uniti, sebbene il fenomeno si riscontri raramente in altri paesi. La carenza degli Americani è spiegata dal fatto che il suolo non contiene una quantità sufficiente di questo minerale per cui il cromo non può venire assorbito dai raccolti o raggiurgere le falde freatiche. La raffìnazione dei cibi è un'altra causa probabile della perdita di cromo insieme ad un consumo eccessivo di zuccheri ed altri carboidrati raffinati. Questo può predisporre alcuni individui a carenza mentre nei diabetici può aggravare la malattia. Le persone più esposte alla carenza sono gli anziani, quelli che praticano regolarmente sport molto stancanti (i corridori) e le gestanti. Soprattutto le gestanti sono molto esposte ad una carenza perché il feto utilizza grandi quantità di cromo. Una carenza di cromo può essere un fattore che inìbisee la funzione dell'insulina e si manifesta con tassi di crescita rallentati e una grave intolleranza al glucosio nei diabetici. Si ritiene anche che l'interazione del cromo e dell'insulina non sia limitata al metabolismo del glucosio, ma valga anche per il metabolismo degli aminoacidi. La carenza può ridurre la sensibilità del tessuto periferico al glucosio, una disfunzione simile al diabete. Il cromo può impedire la formazione di placche aortiche e una sua carenza può favorire l'aterosclerosi.
La carenza di cromo è molto frequente nelle donne incinte a causa dell'alta quantità utilizzata dal feto. Le persone sottoposte a interventi chirurgici ricevono glucosio in via endovenosa causando un maggiore fabbisogno di cromo. Alcuni studi hanno mostrato che il cromo del sangue diminuisce notevolmente dopo la somministrazione di 60 grammi di glucosio. Se il paziente ha un'infezione virale in corso, tale diminuzione è ancora maggiore. Negli studi sugli animali, i ratti carenti soffrono di depositi di grasso nelle arterie, hanno una durata della vita inferiore, minore quantità di spermatozoi, quindi scarsa fertilità.

 

Effetti benefici nelle malattie

Il cromo aiuta a regolare il livello di zucchero nel sangue e può dare giovamento ai diabetici nei casi di perdita di peso o disturbi nervosi. Il picolinato di cromo può aumentare la massa muscolare se viene assunto da chi pratica uno sport con regolarità. I bambini affetti da kwashiorkor (una malattia causata da carenza di proteine) hanno mostrato un miglioramento in seguito alla somministrazione orale di cromo. I pazienti affetti da schizofrenia hanno bisogno di dosi maggiori di niacina e hanno poca tolleranza per il glucosio; è possibile che traggano beneficio da somministrazioni di cromo che aumentano il GTF (fattore di tolleranza al glucosio). Il cromo nell'acqua potabile, in quantità di 0,2 parti per milione ha abbassato il colesterolo nei ratti alimentati con lo zucchero. La somministrazione di cromo aumenta la tolleranza al glucosio in alcuni diabetici. L'assunzione di 200 microgrammi al giorno migliora l'ipoglicemia

 

IL CROMO PUO' ESSERE EFFICACE NELLA CURA DELLE SEGUENTI MALATTIE:
Organi Malattia
Sangue/Apparato circolatorio Diabete, Muscoli (sviluppa i muscoli deboli)
Generale Cardiopatie, Ipoglicemia, Kwashiorkor, Schizofrenia

Tag: acido ascorbico effetti collateralicromo assimilazione e immagazzinamentocromo carenza e sintomicromo cos'ècromo cura malattiecromo dosaggio e tossicitàcromo effetti benefici malattiecromo funzioni

Articoli consigliati:

Citrato e acidosi: acido fondamentale per il nostro benessere

Il Citrato: cos'è e perchè è così utile per il nostro organismo? In questo articolo viene descritto in quali campi opera, malattie dovute a carenze… leggi tutto

La vitamina K: cos'è e a cosa serve

La vitamina K è una vitamina liposolubile il cui apporto può essere raggiunto semplicemente seguendo una dieta equilibrata. Si deposita nel fegato… leggi tutto

Vitamina D: dove si trova e a cosa serve

Poiché il nostro organismo produce vitamina D per effetto della luce solare sulla pelle, molti specialisti la considerano più un ormone che una… leggi tutto