Search Menu
 
Cookie policy
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
GDA | Cosa Sono e a Cosa Servono?
GDA Cosa Sono e a Cosa Servono?

GDA
Cosa Sono e a Cosa Servono?

Data: 27 novembre 2018

Con il termine GDA, o glucose disposal agent, ci si riferisce ad alcune sostanze in grado di migliorare il profilo glicemico e insulinico in risposta ad un ingresso importante di glucosio nel circolo ematico e un migliore utilizzo dunque del glucosio da parte di organi e cellule a livello periferico.

Questo genere di integratori sta prendendo piede nel mondo del fitness, ma non è qui che sono nati, come molti altri integratori (i primi che mi vengono in mente sono BCAA e Glutammina) sono stati studiati inizialmente a lungo in ambito clinico, in questo caso nel trattamento del diabete e della sindrome metabolica, e poi sono stati riproposti nell'ambito del fitness. Cerchiamo di conoscerli meglio e capire le migliori modalità di assunzione!


Come accennavo, i GDA sono nati come sostanze alternative o complementari all'utilizzo dei classici farmaci per il trattamento del diabete, con lo scopo di migliorare il profilo glicemico, la risposta insulinica e l'uptake di glucosio nei compartimenti attivi dell'organismo, in modo da prevenire o ridurre l'utilizzo dei farmaci veri propri (dai cosiddetti ipoglicemizzanti orali che includono insulino secretagoghi, insulino sensibilizzanti, incretine e inibitori del GLP-1 alla vera e propria insulina) che possono presentare effetti collaterali considerevoli (ipoglicemia severa, acidosi lattica, danni epatici, deficit neurologici, disturbi digestivi e mal di testa, vertigini).


Si tratta di erbe che agiscono, analogamente ai farmaci, a vari livelli del metabolismo del glucosio.
In Fig.1 abbiamo una rappresentazione visiva immediata dei vari siti di azione dei farmaci e di alcune tra le erbe studiate in questo ambito e questo spiega perché un GDA può contenere vari mix di esse.

 

ipoglicemici

 

 

erbe ipoglicemiche

 

 

Fig.1 (tratta da [1]) Siti di azione di farmaci antidiabetici della medicina tradizionale e di alcune erbe ipoglicemizzanti a lungo studiate dalla medicina cinese.

 

 

Vediamo dunque che l'azione ipoglicemizzante di erbe quali ginseng, bitter melon, aloe e biophtyum sensitivum si esplica incrementando la secrezione di insulina da parte del pancreas, sempre ginseng, bitter melon e in aggiunta la cannella aumentano l'uptake di glucosio da parte dei tessuti periferici (sia a livello muscolare che adiposo), myrcia e sanzhi sono in grado di ridurre l'assorbimento di glucosio a livello intestinale mentre berberina e fenurgreek leaves inibiscono la produzione di glucosio da parte degli epatociti. Vi sono diverse altre erbe, non prese in considerazione in questo schema, che sono oggetto di studio e hanno dimostrato una più o meno efficace azione ipoglicemizzante, tra cui ad esempio aloe, gymnema silvestre, artemisia scoparia, coccinia indica ecc.

 

Tra tutte queste erbe quella che ha ottenuto evidenze veramente molto forti all'interno dei vari studi è la berberina, la cui efficacia è stata paragonata al ben noto farmaco ipoglicemizzante orale metformina. Tra i vari studi a riguardo citiamo in particolare lo studio [16] che ha confrontato i valori di emoglobina glicosilata, glicemia e insulina a digiuno e post prandiale, trigliceridi e colesterolo totale e frazione HDL e LDL in soggetti con diabete di tipo II e trattati con metformina o berberina per 13 settimane, i risultati in Fig2 sono piuttosto eclatanti.

 

effetti della berberina

 

Fig2. Tratta da [16] Confronto tra pazienti con diabete di tipo II trattati con metformina o berberina per 13 settimane.

 

La berberina è un alcaloide vegetale comunemente presente in diverse piante, quali Berberis vulgaris, Coptis chinensis, Berberis aristata. È stata già ampiamente studiata soprattutto dalla medicina cinese, ma oramai ha suscitato notevole interesse ed è oggetto di studio da parte della medicina occidentale, e le vengono riconosciute diverse funzioni tra cui attivita` antimicrobica, ipoglicemizzante e ipolipemizzante, antitumorale e immunomodulatoria e anche un effetto benefico sull'apparato cardiovascolare. In particolare, per quanto riguarda gli effetti ricercati all'interno di un GDA ‘fitness oriented', è stato dimostrato un aumento dell'espressione dei recettori insulinici nel fegato e nel muscolo scheletrico [4] , un incremento della traslocazione dei recettori del glucosio insulino-dipendenti GLUT4 sia negli adipociti che nei miociti, un aumento dell'attività dell' AMPK (enzima coinvolto nell'uptake cellulare e ossidazione del glucosio e degli acidi grassi) [5], con un generale miglioramento dunque della sensibilità insulinica e dell'utilizzo del glucosio a livello periferico[5][6]. I dosaggi utilizzati all'interno dei vari studi vanno dai 500 ai 1500mg al giorno suddivisi in 2-3 assunzioni giornaliere ed è normalmente ben tollerata, gli unici effetti collaterali osservati in alcuni soggetti sono di natura gastrointestinale (nausea, vomito, costipazione).

 

 

 

 

Bibliografia

[1] Hongxiang HuiEmail author, George Tang and Vay Liang W Go
Hypoglycemic herbs and their action mechanisms
Chinese Medicine20094:11

[2] Angela Pirillo , Alberico Luigi Catapano
Berberine, a plant alkaloid with lipid and glucose-lowering properties
Giornale Italiano dell'Arteriosclerosi 2015; 6 (4): 53-64

[3] Yin J, Xing H, Ye J: Efficacy of berberine in patients with type 2 diabetes mellitus. Metabolism 2008, 57(5):712-717.
[4] Kong WJ, Zhang H, Song DQ, Xue R, Zhao W, Wei J, Wang YM, Shan N, Zhou ZX, Yang P, You XF, Li ZR, Si SY, Zhao LX, Pan HN, Jiang JD: Berberine reduces insulin resistance through protein kinase C-dependent up-regulation of insulin receptor expression. Metabolism 2009, 58(1):109-119.

[5] Lee YS, Kim WS, Kim KH, Yoon MJ, Cho HJ, Shen Y, Ye JM, Lee CH, Oh WK, Kim CT, Hohnen-Behrens C, Gosby A, Kraegen EW, James DE, Kim JB: Berberine, a natural plant product, activates AMP-activated protein kinase with beneficial metabolic effects in diabetic and insulin-resistant states. Diabetes 2006, 55(8):2256-2264.

[6] Yan Li, Hongli Ma, Yuehui Zhang, Hongying Kuang, Ernest Hung Yu Ng, Lihui Hou and Xiaoke Wu
Effect of berberine on insulin resistance in women with polycystic ovary syndrome: study protocol for a randomized multicenter controlled trial
Trials201314:226
[7] Arjuna B. Medagama
The glycaemic outcomes of Cinnamon, a review of the experimental evidence and clinical trials
Nutrition Journal201514:108

[8] Costello, Rebecca B. et al.
Do Cinnamon Supplements Have a Role in Glycemic Control in Type 2 Diabetes? A Narrative Review
Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics , Volume 116 , Issue 11 , 1794 - 1802
[9] Maryam Akbari, Vahidreza Ostadmohammadi, Reza Tabrizi, Moein Mobini, Kamran B. Lankarani, Mahmood Moosazadeh, Seyed Taghi Heydari, Maryam Chamani, Fariba Kolahdooz and Zatollah Asemi
The effects of alpha-lipoic acid supplementation on inflammatory markers among patients with metabolic syndrome and related disorders: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials
Nutrition & Metabolism201815:39

[10] Iva MandicEmail author, Jason Vescovi, Michael Riddell and Ira Jacobs
The effect of alpha lipoic acid ingestion on glucose uptake in healthy males
Journal of the International Society of Sports Nutrition20118 (Suppl 1) :P32[11] Krawinkel MB, Keding GB: Bitter gourd (Momordica Charan- tia): A dietary approach to hyperglycemia. Nutr Rev 2006, 64:331-337.

[12] Shanmugasundaram KR, Panneerselvam C, Samudram P, Shanmu- gasundaram ER: The insulinotropic activity of Gymnema syl- vestre, R. Br. An Indian medical herb used in controlling diabetes mellitus. Pharmacol Res Commun 1981, 13(5):475-486

[13] Kanetkar P, Singhal R, Kamat M: Gymnema sylvestre: A Memoir. J Clin Biochem Nutr 2007, 41(2):77-81

[14] Ramesh C. Gupta, Dennis ChangEmail author, Srinivas Nammi, Alan Bensoussan, Kellie Bilinski and Basil D. Roufogalis
Interactions between antidiabetic drugs and herbs: an overview of mechanisms of action and clinical implications
Diabetology & Metabolic Syndrome20179:59

[15] Wang H, Zhu C, Ying Y, Luo L, Huang D, Luo Z.
Metformin and berberine, two versatile drugs in treatment of common metabolic diseases. Oncotarget. 2017;9(11):10135-10146. Published 2017 Sep 11. doi:10.18632/oncotarget.20807

[16] Yin J, Xing H, Ye J. Efficacy of berberine in patients with type 2 diabetes mellitus. Metabolism. 2008;57:712-717.




Sharing is Caring!






FAI SENTIRE LA TUA VOCE!
Opinioni, dubbi, richieste: lasciaci un commento



Acquista in sicurezza su IAFSTORE
Sconto 10% extra sul primo ordine