Nutrizione Vitamine e minerali

Funzioni, dosaggi ed effetti collaterali del DMAE

Funzioni, dosaggi ed effetti collaterali del DMAE

di in Nutrizione - Vitamine e minerali

ultima modifica: 27 giugno 2017


Questo composto è un analogo della colina, (considerato un membro della famiglia delle vitamine del gruppo B che presenta la funzione di proteggere il fegato dalla steopatosi epatica) e come tale viene direttamente impegnato nella sintesi di Acetilcolina sia a livello epatico che cerebrale la quale agisce a livello centrale, dove è in grado di controllare l'attività di diverse aree cerebrali come quelle coivolte nella memoria, la quale è inoltre implicata nella neuroplasticità e nell'adattabilità delle connessioni interneuronali.

Ultimamente si sente spesso parlare di DMAE o deanolo, il cui nome chimico è dimetil-amino-etanolo (da qui la sigla).
Questo composto è un analogo della colina, (considerato un membro della famiglia delle vitamine del gruppo b che presenta la funzione di proteggere il fegato dalla steopatosi epatica) e come tale viene direttamente impegnato nella sintesi di Acetilcolina sia a livello epatico che cerebrale la quale agisce a livello centrale, dove è in grado di controllare l'attività di diverse aree cerebrali come quelle coivolte nella memoria, la quale è inoltre implicata nella neuroplasticità e nell'adattabilità delle connessioni interneuronali.
Diversi studi testimoniano che la capacità di apprendimento è particolarmente correlata alla quantità sufficiente di colina e DMAE nel cervello.
Attraverso alcuni processi chimici può subire modificazioni che gli permettono di rientrare attivamente nella costituzione delle membrane nervose, migliorandone fluidità e permeabilità e preservandone struttura e funzione.
Nello specifico queste reazioni sono: fosforillazione in fosfatidildimetiletanolamina e metilazione in fosfatidilcolina.

Le funzioni accertate del DMAE

  • Azione neuroprotettiva e antiossidante, grazie alla quale negli ultimi anni il DMAE si è rilevato utilissimo nella medicina antiaging nell'ambito cosmetologico
  • effetti colinergici del DMAE: contribuire a produrre sostanze chimiche del cervello come l’acetilcolina, fondamentali per coloro che sono sottoposti ad un maggior impegno intellettuale
  • DMAE bitartrato e colina migliorano l'assorbimento di ossigeno da parte del cervello il quale supporta ulteriormente il suo sano funzionamento e la qualità delle performance intellettuali
  • rallenta la produzione di acido arachidonico, rallentando leggermente i processi di invecchiamento cutaneo
  • migliore memoria (soprattutto a breve termine), soprattuto in soggetti sottoposti ad aging e a progressivo danneggiamento neuronale
  • migliore focus mentale, chiarezza di ideazione e di esposizione, una qualità del sonno soprattutto in individui sottoposti a costanti pressioni di natura psico-fisica
  • miglioramento della discinesia ripetitiva e dei movimenti involontari presenti in alcune condizioni morbose, come a esempio la Còrea di Huntington
  • miglioramento del grado di attenzione, impulsività e iperattività in pazienti affetti da disturbo da deficit di attenzione e iperattività
  • ritardo della perdita della memoria, grave e progressiva (elementi tipici dell'Alzheimer)

Dosaggi

A seconda delle finalità, vengono impiegati dosaggi differenti che rimangono tuttavia nel range compreso tra i 300 e i 1500mg giornalieri.
Da tenere in considerazione è il fatto che in ambito sportivo (capacità di concentrazione, di attenzione e miglioramento della resistenza) la sua efficacia viene rilevata spesso in concomitanza con l'assunzione di piante ad attività adattogena quali il Panax ginseng e l'Eleuterococco.

Effetti collaterali

  • Stitichezza
  • Prurito
  • Mal di testa e cefalee
  • Sonnolenza
  • insonnia
  • Sogni vividi
  • Stato di confusione
  • Depressione
  • Ipertensione
  • Discinesie dei muscoli del volto

la comparsa di tali reazioni pare essere direttamente proporzionale al dosaggio e alle tempistiche di assunzione del composto.
Il DMAE è inoltre controindicato durante la gravidanza e l'allattamento visto l'elevato rischio di interazioni farmacologiche inoltre l'utilizzo di questa molecola risulta controindicato soprattutto per i pazienti in terapia farmacologica, soprattutto con colinergici e anticolinergici.

 

Tag: come il DMAE influiscono sul cervellocosa è il DMAEdosaggi ed effetti collaterali del DMAEle proprieta del DMAE

Articoli consigliati:

Riboflavina (Vitamina B2): proprietà e benefici

La riboflavina, o vitamina B2, è stata individuata per la prima volta nel 1879 nel latte sotto forma di un pigmento giallo-verde. Un'eccessiva… leggi tutto

Enzimi digestivi: cosa sono e dove si trovano

Sull'importanza fondamentale del microbiota intestinale per l'intera salute, spesso viene chiamato in causa la mancanza di enzimi digestivi… leggi tutto

Magnesio: proprietà, carenze e fabbisogno giornaliero

Il magnesio è un minerale importante per l'organismo. Scopriamo quali fonti alimentari sono ricche di magnesio ed i segni e sintomi in caso di carenza. leggi tutto