Integrazione Carboidrati

Cosa dobbiamo sapere sull'insulina?

Cosa dobbiamo sapere sull'insulina?

di in Integrazione - Carboidrati

ultima modifica: 03 maggio 2017


L'insulina è un ormone peptidico prodotto dalle cellule beta delle isole di Langerhans all'interno del pancreas, essa è formata da due catene unite da due ponti solfuro rispetttivamente definite catena A di 21 aminoacidi e catena B di 30 aminoacidi.

L'insulina è un ormone peptidico prodotto dalle cellule beta delle isole di Langerhans all'interno del pancreas, essa è formata da due catene unite da due ponti solfuro rispetttivamente definite catena A di 21 aminoacidi e catena B di 30 aminoacidi.

La funzione principale dell'insulina

La sua funzione più nota è quella di regolatore dei livelli di glucosio ematico riducendo la glicemia quindi togliendo zuccheri dal sangue (funzione ipoglicemizzante) mediante l'attivazione di diversi processi metabolici e cellulari, presenta inoltre un essenziale ruolo nella sintesi proteica.

Gli effetti di questo ormone

Tra i vari effetti dell'insulina sono presenti anche:

  • aumento dell'uptake cellulare di glucosio e di aminoacidi (cellula muscolare e adipocitaria)
  • inibisce la lipolisi e la glicolisi
  • stimola la liposintesi e la glicogenosintesi

Questo cosa vuol dire? Che si aumenta la captazione di glucosio, ma diminuisce anche il quantitativo di zuccheri immesso nel sangue da parte del fegato.

L'insulina e l'aumento di peso

L'insulina viene spesso indicata come causa principale dell'aumento di peso, questo è in parte vero, ma la realtà è che noi ingrassiamo con i glucidi solo se il nostro corpo non è in grado di gestirli corretttamente, tra l'altro l'insulina sale anche ingerendo cibi ricchi di bcaa stimolando in questo caso diversi ormoni che aumentano la sensibilità dei GLUT-4 (trasportatori di zuccheri).

Quando l'insulina è alta e i livelli di ATP nel mitocondrio sono sature gli zucchiri vengono trasformati in grassi (di deposito) attraveso la lipogenesi, eccetto che in questo caso l'aumento di peso e di grasso non sono molto rilevanti e pertanto in queste situazioni bisogna incolpare il bilancio calorico totale giornaliero/settimanale.

Un ormone peptidico conteso

Il tessuto muscolare e quello adipocitario sono in competizione per questo ormone, chi lo capta dipende in genere da 3 fattori:

  • riserve di glicogeno muscolare, se per esempio rispetto alla capacità complessiva del miocida le riserve sono più basse sarà il muscolo a prevalere (situazione che si verifica spesso nel postworkout di praticamente tutti gli sportivi, soprattutto nei pesisti e nei bodybuilder)
  • danneggiamento della membrana del miocita, allenamenti molto intensi provocano micro traumi che riducono il numero di recettori
  • ipertrofia cellulare, più una cellula è grande di dimensioni (ipertrofica) maggiore sarà il numero di recettori

Cos'è la resistenza insulinica?

Partiamo da questo presupposto, tanto più una sostanza è rara tanti più sono i recettori portati a galla per captarla (il nostro organismo ragiona in questi termini).

Se quotidianamente eccediamo di zuccheri quindi i recettori (GLUT-4) pronti per captare l'insulina saranno di meno e il pancreas sarà costretto a secernere sempre più insulina per ottenere lo stesso effetto, se questo processo avanza eccessivamente si rischia di passare dall'essere semplicemente resistenti all'avere il diabete di tipo 2.

Questo processo è bene tenere a mente che non riguarda solo gli zuccheri, ma anche le proteine e i grassi a causa sia della stimolazione insulinica, ma anche dell'ostacolamento da parte dei tricgliceridi intracellulari del glucide nella cellula.

Correre ai ripari

Come risolvere la situazione in questo caso?

  • riprendere a fare attività fisica in maniera intensa variando tra forza, potenza e lavori abbondantemente lattacidi (a seconda delle capacità individuali chiaramente) è sicuramente un buon punto di partenza e in questo modo indirizzeremo i glucidi prevalentemente al tessuto muscolare
  • dieta low-fat con prevalenza dei monoinsaturi per far riprendere affinita ai carboidrati (adatto a chi già si allena intensamente e con una buona massa magra)
  • dieta low-carb aumentandoli gradualmente (reverse metabolico)
  • alternare giorni low-carb a giorni low-fat

Tag: corpo umanopatologie

Articoli consigliati:

I principali integratori alimentari a base di carboidrati

I principali integratori a base di carboidrati, che comunemente si possono trovare in commercio sono cinque: ciclodestrine cicliche, maltodestrine… leggi tutto

Indice glicemico degli alimenti e carico glicemico

Quanto è importante l'indice glicemico degli alimenti? Che differenza c'è tra indice glicemico e carico glicemico? Quali sono gli alimenti a… leggi tutto

6 motivi per cui le patate americane sono meglio di quelle normali

Nei supermercati cominciano a trovarsi sempre di più le patate dolci o americane, che hanno una forma ed un colore diverso da quelle a cui siamo… leggi tutto