Search Menu
 
Cookie policy
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Respiro consapevole | Perchè respirare bene ti può cambiare la vita
Respiro consapevole Perchè respirare bene ti può cambiare la vita

Respiro consapevole
Perchè respirare bene ti può cambiare la vita

Data: 22 maggio 2020

A livello di performance sportiva e di benessere generale, la respirazione consapevole sta suscitando sempre più interesse. Ci stiamo rendendo conto che diamo quasi sempre per scontato il nostro respiro ma che, nel suo complesso meccanismo di "automatismo", questo può nascondere una serie di disturbi o limitazioni che possono essere evitate facilmente, solo ponendo più attenzione al nostro sistema corpo-mente.

L'importanza del respiro consapevole

respirazione consapevole in una classe di yoga

Lo yoga pone molta attenzione alla consapevolezza del respiro.
  • Naso chiuso
  • asma
  • tosse
  • respiro affannoso
  • sonno disturbato
  • spossatezza
  • eccessiva fame d'aria

A quanti di noi succede di manifestare (almeno) uno di questo sintomi? Se ti è capitato di soffrirne, ti sorprenderà il fatto che la causa comune può essere ricondotta una respirazione disfunzionale o poco efficiente. Patrick McKeown, ideatore della metodica Oxygen Advantage che da più di 20 anni si occupa di problematiche respiratorie e delle loro implicazioni a livello di salute e performance sportiva sostiene che:

"Dedichiamo molto del nostro tempo ed energie a decidere che cosa bere e mangiare, mentre non prestiamo quasi attenzione all'aria che respiriamo"
"Stiamo diventando consapevoli della qualità dell'aria che respiriamo, ma vi siete mai chiesti come possa influire invece la quantità?
Ebbene, la quantità di aria che respirate può stravolgere tutto ciò che sapete sul vostro corpo, la vostra salute e le vostre prestazioni sportive"

Per prima cosa è necessario comprendere il rapporto fondamentale tra l'ossigeno e il nostro corpo.

Migliorare la salute e la forma fisica è possibile ottimizzando il trasporto di ossigeno ai muscoli, agli organi e ai tessuti.
Respirare adeguatamente è diventato difficile nella società moderna a causa di:

  • stress cronico
  • sedentarietà
  • alimentazione scorretta
  • iperventilazione cronica

Respirazione e quantità d'ossigeno

Processo di respirazione l'ossigeno che entra nei polmoni

Processo di respirazione illustrato

Chi non è stato incoraggiato a fare un bel respiro profondo in situazioni di stress o prima di un evento sportivo importante per ridurre l'agitazione?
Secondo gli studi condotti da Mckeown e altri studiosi, non ci sarebbe niente di più sbagliato!
L'iperventilazione cronica è uno dei disturbi più comuni e sottovalutati, con un grande impatto sul benessere e la forma fisica. L'iperventilazione tende a prolungarsi nel tempo, ci fa introdurre troppa aria e porta aI restringimento delle vie aeree, alla vasocostrizione periferica e a una riduzione dell'apporto di sangue al cuore e ai muscoli.

La quantità di ossigeno che il nostro organismo è in grado di consumare non dipende solo dalla sua percentuale nel sangue.
A determinare quanto di questo ossigeno sia effettivamente disponibile è la quantità di anidride carbonica presente. Il modo in cui respiriamo diventa quindi determinante.

Quando respiriamo correttamente abbiamo anidride carbonica a sufficienza e il nostro respiro è silenzioso e quasi impercettibile. Se iperventiliamo, l'atto respiratorio sarà amplificato sia nella fase inspiratoria che in quella espiratoria. In questo caso si attiveranno:

  • un'eccessiva eliminazione di anidride carbonica (ipocapnia);
  • un'anomalo reclutamento della muscolatura respiratoria accessoria, che può associarsi a tensione cervicale e cefalea;
  • un alterato stimolo neurovegetativo con prevalente attivazione del sistema ortosimpatico, che può portare all'aumento della frequenza cardiaca e agitazione.

Come respirare consapevolmente

Per iniziare respirare in maniera più cosciente, basta portare l'attenzione sul ritmo respiratorio. Impara a fare caso al tuo respiro: se respiri con il naso o se hai bisogno di utilizzare la bocca anche per svolgere le semplici attività della vita quotidiana. Osserva se respiri profondamente, "di pancia" (respirazione diaframmatica), oppure in maniera più superficiale, sollevando il petto durante l'inspirazione. Successivamente, cerca per qualche minuto di rendere la respirazione lenta, leggera e silenziosa, così da stimolare il sistema parasimpatico e indurre velocemente uno stato di calma e serenità.

Conclusioni

Si è sempre in tempo per rieducare il nostro organismo a una corretta respirazione.
Bastano pochi semplici esercizi come quello che abbiamo appena visto, da fare a casa, in ufficio o in macchina in completa autonomia per trovare la calma, la concentrazione e l'energia per affrontare al meglio qualsiasi sfida.

Articolo Scritto in collaborazione con il Dr. Antonello Cappai Fisioterapista e Osteopata)

Bibliografia

  • The Oxygen Advantage: The Simple, Scientifically Proven Breathing Techniques for a Healthier, Slimmer, Faster, and Fitter You,Patrick McKeown 2016 C. Bohr, K. Hasselbalch, A. Krogh, «Concerning a Biologically Important Relationship - The Influence of the Carbon Dioxide Content of Blood on its Oxygen Binding», Scandinavian Archives of Physiology, n. 16 (1904), pp. 401-12.
  • G.J. Magarian, D.A. Middaugh, D.H. Linz, «Hyperventilation syndrome: a diagnosis begging for recognition», Western Journal of Medicine, vol. 138, n. 5 ( 1983), pp. 733-36.
  • D.M. Gibbs, «Hyperventilation-induced cerebral ischemia in panic disorder and effects of nimodipine», The American Journal of Psychiatry, vol. 149, n. 11 ( 1992), pp. 1589-91.
  • E.J. Kim, J.H. Choi, K.W. Kim et al., «The impacts of open-mouth breathing on upper airway space in obstructive sleep apnea: 3-D MDCT analysis», European Archives ofOto-Rhino-Laryngology, vol. 268, n. 4 (aprile 2011), pp. 533-39; H.R. Kreivi, P. Virkkula,
  • J. Lehto, P. Brander, «Frequency of upper airway symptoms before and during continuous positive airway pressure treatment in patients with obstructive sleep apnea syndrome », Respiration, vol. 80, n. 6 (2010), pp. 488-94;
  • M. Ohki, N. Usui, H. Kanazawa, I. Hara, K. Kawano, «Relationship between oral breathing and nasal obstruction in patients with obstructive sleep apnea», Acta Otolaryngology Supplement, n. 523 (1996), pp. 228-30; S.H. Lee
  • J.H. Choi, C. Shin, H.M. Lee, S.Y. Kwon, «How does open-mouth breathing influence upper airway anatomy?», Laryngoscope, vol. 117, n. 6 (2007), pp. 1102-6
  • R. Fried ,Hyperventilation Syndrome: Research and Clinical Treatment(Johns Hopkins Series in Contemporary Medicine and Public Health), Johns HopkinsUniversity Press, Baltimora 1987.



Sharing is Caring!






FAI SENTIRE LA TUA VOCE!
Opinioni, dubbi, richieste: lasciaci un commento