Search Menu
 
Cookie policy
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Recensione GARMIN GPS MAP 62st
Recensione GARMIN GPS MAP 62st

Recensione GARMIN GPS MAP 62st

Autore:
Data: 29 marzo 2011
Tag: recensioni

Il Garmin GPS Map 62st è un navigatore satellitare portatile di fascia alta, cartografico, robusto, ideale per navigazione outdoor, trekking, nautica e ottimamente utilizzabile anche per mountain-bike e navigazione stradale. E' caratterizzato da un ampio display a colori, interfaccia a pulsanti (non touchscreen), antenna ad alta sensibilità,  bussola elettronica a 3 assi, altimetro barometrico, 500MB di memoria interna, cartografia base precaricata in memoria interna con supporto di cartografia acquistabile separatamente e gestione di mappe personalizzabili (costruite anche da immagini e foto), espansione con scheda MicroSD, possibilita' di navigazione con scelte evolute e personalizzabili, connessione con PC e con altri  dispositivi GPS..

La confezione contiene:
- l'unità GPS Garmin Map 62st
- clip da trasporto con moschettone
- cavetto USB per collegamento al PC
- manuale guida rapida
Il GPS Map 62st accetta l'espansione di memoria tramite scheda MicroSD; esiste la possibilità di acquistare il modello che include la TrekMap Italia su scheda MicroSD o acquistare separatemente la cartografia Garmin.

Accensione - Ricezione satelliti

Nella confezione non sono incluse le batterie. Il GPSMap62st necessita di due batterie AA, meglio se ricaricabili NiMh (accetta batterie alcaline, NiMh o al litio). Una volta installate le batterie (nel vano posteriore, ben chiuso ermeticamente), si puo' procedere alla prima accensione. Per la prima accensione (come tutti i GPS) lo strumento deve 'capire' dove si trova: occorre lasciarlo in un posto in campo aperto per consentire la ricezione ed il calcolo dei satelliti disponibili, operazione che alla prima accensione puo' essere un po' piu' lunga perche' il GPS si trova in un luogo completamente nuovo (non puo' usare le informazioni preimpostate in memoria); come per il prodotto simile e già recensito Garmin Oregon 550t, appena acceso la posizione indicata è in un posto in USA (presso la sede della casa madre Garmin), servono circa tra 5 e 10 minuti per il calcolo esatto della nuova posizione. In questa fase è possibile specificare manualmente la posizione geografica in cui ci si trova, per aiutare e velocizzare la procedura di ricezione satelliti. Per le successive accensioni lo strumento utilizzerà i nuovi dati memorizzati all'ultimo spegnimento (puo' prevedere meglio quali saranno i satelliti utilizzabili in base all'ultimo utilizzo ed alla data/ora esatta), con una soluzione nota come HotFix, quindi la fase di accensione ed aggancio dei segnali satellitari sarà molto piu' veloce (generalmente bastano pochi secondi se si riaccende lo strumento nelle vicinanze del posto in cui lo si era spento l'ultima volta; il tempo aumenta se lo si riaccende in un luogo lontano da quello dell'ultima accensione).
Tramite il tasto 'MENU' si accede alle videate di menu dello strumento. Tra queste, con la scelta 'Satellite' si apre la videata che informa sulla ricezione satelliti:

Garmin GPSMap62st
Garmin GPSMap62st

( P.S. Lo sfondo visualizzato nel display e i colori delle scritte possono variare in base alla modalità diurna-notturna, nelle immagini precedenti lo sfondo nero è in modalità notturna)

La videata 'Satellite' visualizza i satelliti attualmente agganciati. In alto-destra e' indicata la precisione GPS: indica la precisione del calcolo della posizione, questo dato risulta essere molto accurato.
Il GPSMap62st  supporta la ricezione dei satelliti WAAS-EGNOS. Il WAAS (Wide Area Augmentation System) è un sistema di correzione dei segnali dei satelliti GPS, ideato per ottenere maggiore precisione nel calcolo della posizione di latitudine-longitudine;  tramite l'utilizzo di stazioni terrestri adibite al controllo dei segnali dei satelliti e l'utilizzo di satelliti geostazionari (a differenza dei normali satelliti GPS che non sono geostazionari e quindi entrano ed escono dalla 'visuale' del nostro GPS lungo le propre orbite, i satelliti geostazionari rimangono fissi nel cielo in posizioni prestabilite), con questo sistema si ottiene una precisione che arriva ad essere inferiore ai 3 metri di errore. In Europa il sistema prende il nome di EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay Service) ed utilizza due satellite geostazionari posizionati all'incirca sopra l'equatore e individuati da un numero (il numeretto visualizzato sotto le colonne verdi dei satelliti) maggiore di 32; per riceverli occorre avere una buona apertura visiva verso Sud. Il GPSMap62st consente di scegliere se abilitare la gestione del sistema WAAS-EGNOS nella specifica scelta di configurazione (nella schermata e' indicato come sistema WAAS, lo strumento comunque si adegua automaticamente all'equivalente sistema EGNOS europeo) . L'utilizzo del sistema WAAS-EGNOS impegna maggiormente lo strumento GPS e puo' portare ad un maggiore consumo delle batterie, ma la precisione risultante e' decisamente ottima.
Il GPSMap62st supporta anche una modalità 'demo' che consente di utilizzare lo strumento anche al chiuso, con ricezione satellitare impossibile; e' possibile provare lo strumento e creare  percorsi e varie in questa modalità.

 

Pulsanti

Il GPSMap62st viene comandato tramite i comodi pulsanti disposti nella parte bassa dello strumento. Disposizione e funzione dei pulsanti sono state progettate per garantire facile accesso e massima funzionalità nell'uso. I tasti sono i seguenti:
FIND: apre menu ricerca, consente di selezionare una destinazione
MARK: salva posizione corrente come waypoint
QUIT: annulla / torna al menu o alla pagina precedente
ENTER:seleziona le opzioni / conferma i messaggi
MENU: apre il menu delle opzioni della pagina attuale; premuto due volte apre il menu principale
PAGE: scorre le pagine principali

L'utilizzo dei pulsanti risulta comodo e immediato, facile anche indossando guanti e in ogni condizione ambientale. La presenza dei pulsanti consente l'accesso immediato alle operazioni principali (come marca waypoint, zoom mappa, ricerca punti e destinazione,...), senza dover scorre menu o cambiare tra varie pagine e opzioni. La differenza di utilizzo rispetto agli strumenti touchscreen ( come i Garmin Oregon) è di valutazione personale e anche legata alla propria manualità; per alcune attività come l'uso in mountain-bike per mia scelta personale prediligo i touchscreen, per l'outdoor le due modalità sono equivalenti e comunque entrambe molto comode.

 

Menu

Il menu (aperto premendo due volte il pulsante MENU) consente l'accesso alle numerose scelte di configurazione e di operatività; puo' essere configurato su 6 o 12 voci visualizzate per pagina.

Garmin GPSMap62st
Garmin GPSMap62st
Garmin GPSMap62st

 

 

Videate di Navigazione - Informazioni Visualizzate

Premendo i pulsanti 'PAGE' o 'QUIT' si scorrono (avanti o indietro) le pagine principali di navigazione (le pagine che vengono proposte possono essere personalizzate dall'utente).

Garmin GPSMap62st

Il GPSMap62st supporta una scelta completa di possibilità di visualizzazione dei dati di navigazione, consentendo di personalizzare tutte le schermate e le informazioni visualizzate.
Le schermate principali per la navigazione GPS sono di tre tipi:  Mappa - Bussola - Computer di viaggio

Garmin GPSMap62st
Mappa
Garmin GPSMap62st
Bussola
Garmin GPSMap62st
Computer di viaggio
Garmin GPSMap62st
Mappa con bussola
Garmin GPSMap62st
Bussola con grafico altimetrico
Garmin GPSMap62st
Computer di viaggio con cruscotto 'ricreativo'

Per completare le possibilita' di personalizzazione, il GPSMap62st  prevede anche la gestione di 'Profili' per raggruppare e salvare tutte le scelte di configurazione e personalizzazione realizzate. Inizialmente lo strumento contiene già sei diversi profili pronti all'uso: ricreativo-geocaching-autoveicolo-nautica-centrofitness-classico. In aggiunta è possibile creare profili personali (da menu>impostazioni>profili), modificare il nome del profilo  ed eseguire tutte le variazioni e scelte varie di dati e modalita' di visualizzazione (ed anche di configurazione delle modalita' di navigazione e rappresentazione di tracce e percorsi, come vedremo di seguito). Per esempio possiamo creare un profilo personalizzato di nome 'MountainBike' contenente le scelte ideali per le uscite in bike (per esempio con visualizzazione dei vari dati di velocita', di cadenza pedalata, ...), un profilo per le uscite outdoor-trekking con scelte piu' attinenti a questa attivita' (quota, grafico altimetrico, mappa con nord in alto, ...), un altro per le sessioni di allenamento (tempi e cronometro, frequenza cardiaca, ...). Sara' poi possibile richiamare uno di questi profili e ritrovarsi le scelte personalizzate per l'attività che ci si appresta a fare. 


Qualita' della schermo
Lo schermo del GPSMap62st ha una diagonale di 66mm, risoluzione di 160x240 pixel TFT a 65k colori con retroilluminazione. La nitidezza dello schermo è ottima, la luminosità puo' essere regolata su diversi livelli, ovviamente se regolata al massimo lo strumento consuma di piu' e si scaricano prima le batterie. La situazione piu' critica è l'utilizzo in giornate con molta luce e Sole splendente, come nella prova effettuata nella quale il sentiero era innevato ed il riverbero della neve rendeva ancora piu' problematica la visualizzazione. In questo caso va regolata al massimo la luminosità e nella modalità Mappa risulta utile disabilitare la funzionalità di rilievo ombreggiato che scurisce un po' la carografia; nella prova effettuata, la visualizzazione ottenuta è risultata buona anche in condizioni limite su neve e indossando occhiali scuri: per utilizzare lo strumento non ho mai dovuto togliere gli occhiali, e anche l'utilizzo con guanti e' risultato comodo e preciso.

 

Altimetro Barometrico - Bussola

Il GPSMap62st contiene un altimetro barometrico molto preciso, che consente la visualizzazione dei dati di pressione barometrica, quota di altitudine attuale, grafico dell'andamento della quota o della pressione.

Garmin GPSMap62st
Grafico altimetrico durante l'escursione; in blu il tratto che devo ancora affrontare
Garmin GPSMap62st
Grafico altimetrico consultato alla fine dell'escursione
Garmin GPSMap62st
Nella mappa: visualizzazione quota attuale e punto di massima quota toccato durante l'escursione

Tramite l'apposito menu di configurazione dell'altimetro e' possibile utilizzare pienamente questo strumento, con voci che consentono di scegliere :

  • utilizzo con  quota-fissa o quota-variabile : con quota-fissa lo strumento serve come indicatore dell'andamento della pressione (suppone di non essere in movimento, quindi permette di prevedere variazioni metereologiche), con quota-variabile visualizza la variazione altimetrica durante l'escursione
  • tendenza della pressione: e' possibile registrare i dati della pressione anche quando lo strumento e' spento (!), ottenendo informazioni sull'andamento della pressione, utile per esempio quando ci si ferma in rifugio o bivacco e si vuole monitorare l'evoluzione della pressione anche durante la notte...
  • modalità di visualizzazione del grafico: quota/tempo , quota/distanza , pressione barometrica , pressione atmosferica.

L'altimetro barometrico del GPSMap62st puo' essere calibrato e utilizzato in diverse modalità: se conosciamo esattamente la pressione atmosferica nel punto in cui ci troviamo possiamo ricalibrare l'altimetro inserendo tale valore, oppure possiamo calibrarlo partendo dal dato di altitudine se conosciamo esattamente questa informazione. Inoltre l'altimetro barometrico puo' essere impostato in modalità di 'calibrazione automatica' : lo strumento deduce la quota di altitudine dai segnali GPS, quindi puo' calibrare automaticamente l'altitudine e visualizzare il dato di pressione barometrica indipendente dalla quota, rendendo immediata l'informazione sulla pressione (alta, bassa, in cambiamento...). Quest'ultima modalità è la piu' comoda e preziosa per le attività outdoor, ovviamente per risultare precisa occorre avere una ottima ricezione dei satelliti durante l'escursione; il funzionamento di questa modalità prevede la continua ricalibrazione dell'altimetro barometrico da parte del software dello strumento (procedura che avviene circa ogni secondo) e puo' prevedere un periodo iniziale (durante l'inizio dell'escursione) di 'assestamento', per poi fornire informazioni che nelle prove effettuate risultano precise e veramente comode, consentendo di ovviare alle problematiche note nell'utilizzo degli altimetri per le quali e' l'utente che deve analizzare la variazione di pressione tenendo conto delle variazioni altimetriche e/o di pressione atmosferica reale... in questo caso fa tutto il GPSMap62st ! Nei dati disponibili per la visualizzazione, le voci di 'pressione barometrica' e 'pressione atmosferica' si differenziano per questo calcolo automatico: la pressione atmosferica è la pressione reale rilevata dal barometro, la pressione barometrica è invece quella calcolata con calibrazione automatica della quota desunta dai segnali GPS e quindi indica la pressione a livello del mare e consente di capire immediatamente la situazione meteo attuale e i cambiamenti di pressione.

Il GPSMap62st contiene una bussola elettronica a 3 assi. Quando si è fermi o ci si muove a piedi la bussola elettronica è simile ad una bussola magnetica, se si mantiene una velocita' alta (per esempio in automobile) la bussola utilizza i segnali GPS per determinare la direzione. In ogni caso la bussola individua il Nord e puo' indicare la giusta direzione se si e' impostata una meta. Tra le possibilità di configurazione troviamo diverse modalità di indicazione della direzione (direzione da seguire con indicatore rilevamento o direzione con rotta e deviazione). La bussola va calibrata inizialmente tramite una particolare procedura: serve far ruotare lo strumento lungo i tre assi, uno alla volta, seguendo comunque le istruzioni ben indicate dallo strumento stesso; la procedura va ripetuta quando si cambiano le batterie o dopo lunghi periodi di inoperatività e va sempre eseguita in una zona in cui la ricezione dei satelliti è buona.

 

Navigazione verso una destinazione - tracce, percorsi e waypoint

All'accensione, il GPSMap62st non ha nessuna meta o destinazione selezionata. Le videate di navigazione visualizzano la posizione attuale e consentono di tenere traccia degli spostamenti con tutte le informazioni disponibili (velocità, quota, etc.). All'inizio di una sessione di utilizzo dello strumento e' sempre meglio azzerare i dati in memoria, per ripartire da zero con tutte le informazioni (distanze percorse, medie varie di velocità etc.), l'azzeramento avviene con selezione da menu Impostazioni > Reimposta (e da qui scegliere cosa azzerare e/o eliminare dalla memoria); la scelta 'reimposta' e' anche disponibile direttamente da alcune videate come quella del 'computer di viaggio'.
Il GPSMap62st e' uno strumento completo per la navigazione libera o guidata. Puo' essere utilizzato per navigare con le seguenti modalità:

  • navigazione con registrazione della traccia percorsa; si puo' navigare senza una meta precisa, le videate forniscono informazioni di direzione (bussola) e/o cartografiche visualizzando eventualmente i punti di interesse vicini al nostro percorso (oltre a tutte le informazioni di velocità, quota, distanze etc.); e' possibile vedere sulla mappa la traccia dei nostri spostamenti e alla fine memorizzare l'intera traccia (salva con nome, le tracce poi possono essere scaricate su PC, analizzate, condivise, riportate su software topografici come BaseCamp di Garmin o altri come GoogleEarthTM); e' possibile da un punto desiderato selezionare 'trackback' (pulsante Find > Tracce > Traccia corrente > Trackback) ed essere guidati indietro ripetendo il percorso a ritroso; la registrazione della traccia puo' essere configurata (frequenza di memorizzazione dei punti, visualizza o no su mappa, ...) e ovviamente anche disabilitata;
  • navigazione verso un punto desiderato; la destinazione puo' essere selezionata in vari modi: punto sulla mappa, punto di interesse (POI) tra quelli memorizzati nella cartografia (o registrati dall'utente), ricerca luogo da nome città, punto particolare prestabilito (waypoint), coordinate latitudine/longitudine, e molti altri modi; il navigatore ci guida verso il punto di destinazione, indicando la rotta (in linea d'aria) con visualizzazione possibile su mappa o con bussola (come visto nelle possibili videate di visualizzazione e navigazione); il GPSMap62st puo' anche essere configurato per forzare la rotta a seguire le strade (serve avere una mappa cartografica o stradale; modalità ideale per navigazione stradale)
  • navigazione lungo un percorso prestabilito: e' possibile pre-costruire un percorso (scelta Pianifica percorso da menu) o caricarne uno in memoria (scaricato da internet, calcolato con altri strumenti quali software topografici, etc.) e impostare il navigatore per guidarci esattamente lungo questo percorso; diversamente dalla navigazione verso un punto (meta), la navigazione lungo un percorso ci guida lungo l'esatto tracciato del percorso, toccando eventuali punti intermedi, POI, waypoint.
Garmin GPSMap62st
Navigazione senza destinazione, la traccia percorsa è indicata in questo caso con la linea azzurra; sto utilizzando la cartografia TrekMapItalia che contiene e visualizza il tracciato del sentiero che sto seguendo; la videata mappa puo' essere configurata per avere il Nord in alto o la propria direzione in alto
Garmin GPSMap62st
Navigazione verso un punto sulla mappa: la linea viola indica la rotta verso la meta, in linea d'aria;
la linea azzurra indica la traccia percorsa
Garmin GPSMap62st
Navigazione track-back : il navigatore ci guida a ripercorrere esattamente il percorso fatto all'andata, indicato dalla linea marcata colore viola; la navigazione ora equivale alla navigazione lungo un percorso (che in questo caso e' la traccia fatta all'andata, ma potrebbe essere un percorso precostruito e salvato o scaricato etc.)

Durante la navigazione, è possibile memorizzare manualmente punti particolari: i waypoint (punti di percorso). Nelle immagini precedenti i waypoint sono rappresentati dalla bandierine azzurre. Un waypoint puo' essere salvato per memorizzare un punto di particolare interesse, o  per poter essere utilizzato per ripercorrere questo tracciato in futuro (o al ritorno), o per indicare punti in cui deviare o in cui e' presente una particolarità riconoscibile e che puo' essere usata come riferimento per ripercorrere la stessa via. I waypoint sono utili anche per consentire al GPS di ricostruire bene il tracciato effettuato: durante la registrazione di una traccia, lo strumento (se configurato adeguatamente) registra automaticamente numerosi punti che costituiscono il percorso svolto, per poi ricostruire il tracciato tramite la linea che congiunge tutti questi punti; questi punti vengono registrati con una frequenza configurabile; puo' succedere pero' che in particolari punti in cui deviamo nettamente il nostro percorso, il GPS non stia salvando il punto (segue la propria frequenza di salvataggio) per cui la ricostruzione risulterà meno precisa (puo' venire 'tagliato' l'angolo di deviazione): per questo motivo è buona norma salvare manualmente uno o piu' waypoint quando ci si approssima ad un bivio o si effettua una deviazione o una scelta di percorso in un incrocio. Per salvare un waypoint con il GPSMap62st è sufficiente premere il pulsante 'MARK' : viene proposta una videata per inserire descrizione e/o note e da cui confermare la registrazione del waypoint. Si puo' salvare un waypoint anche cercando il punto sulla mappa utilizzando i tasti di scorrimento, selezionando un punto interessante nei dintorni del punto attuale, etc.

Garmin GPSMap62st
I waypoint salvati sono visualizzati con freccette blu e nome del waypoint (in questo caso ho confermato il default del nome che è una numerazione progressiva).
Ho salvato i waypoint nei punti di bivio: dal waipoint 5 al 6 ho percorso una mulattiera, dal 6 al 7 un tratto fuori sentiero su neve, dal 7 seguiro' il sentiero.
Garmin GPSMap62st
Percorso track-back, il GPS mi guida a ritroso sul tracciato effettuato; i waypoint aiutano nei punti di bivio; il GPS guida esattamente lungo i propri passi, anche nei tratti fuori sentiero.
Garmin GPSMap62st
L'utilizzo della bussola indica la rotta corretta (se impostata una meta) ed aiuta anch'essa nei punti con bivii ed incroci

Il GPSMap62st contiene molte funzionalità per la gestione di waypoint, POI (point of interest), tracce e percorsi, con possibilità anche di inserire descrizioni e scegliere colori e icone rappresentative.

 

Cartografia e mappe

Il GPSMap62st è dotato di memoria interna di 500MB con mappa globale base precaricata; è possibile installare una schedina MicroSD che espande la memoria e che puo' contenere mappe cartografiche e topografiche specifiche, come quelle commercializzate da Garmin (per esempio TrekmapItalia che contiene la cartografia con sentieri della zona alpina del nord Italia). E' inoltre possibile utilizzare il software di Garmin BaseCamp (che è incluso se si acquista la cartografia TrekMap, oppure è scaricabile da internet dal sito Garmin) per caricare le mappe nella memoria dello strumento.

Garmin GPSMap62st
Con la cartografia TrekMap si ottiene la visualizzazione di sentieri, rifugi, vette, toponomastica
Garmin GPSMap62st
Senza mappe cartografiche installate e/o in zone non coperte dalle mappe, il GPSMap62st contiene comunque la mappa base precaricata che visualizza strade, linee di livello, informazioni varie
Garmin GPSMap62st
Anche senza mappe cartografiche è ovviamente sempre possibile caricare tracciati e/o percorsi ed ottenerne la visualizzazione sulla mappa base


Una caratteristica innovativa dei Garmin di ultima generazione è la possibilità di utilizzare le cosiddette 'CustomMaps' : mappe costruite dall'utente, realizzate partendo da immagini o cartine in formato immagine e trasformate con una apposita procedura in mappe utilizzabili nei GPS. Un esempio proposto dal sito Garmin in collaborazione con la rivista "Meridiani Montagne" è la realizzazione di custom-map di settori dell'arco alpino (vedi: garmin-meridianimontagne). Le istruzioni per realizzare ed utilizzare le custom-map sono a questo link: Garmin-CustomMaps : in pratica si tratta di realizzare (o trovare in internet) file formato 'kmz' che possono essere copiati direttamente nella memoria del GPS ed il GPS rendera' disponibile la nuova mappa.
Ecco come appare una custom-map :

Garmin GPSMap62st
La mappa importata in GoogleEarthTM
Garmin GPSMap62st
La mappa importata nel GPSMap62st, angolo alto sinistro della mappa; si nota la differenza con le zone non coperte dalla custom-map; la mappa personalizzata puo' essere visualizzata in contemporanea con altre mappe come la TrekmapItalia
Garmin GPSMap62st
Dettaglio della custom-map; le indicazioni dei sentieri della custom-map si sovrappongono ai sentieri indicati dalla TrekmapItalia


Altra possibilità proposta da Garmin è quella rappresentata dal servizio BirdsEyeTM per lo scaricamento da internet di immagini satellitari. Le immagini satellitari potranno poi essere utilizzate sia nel proprio computer PC o Mac (mediante il software Garmin BaseCamp scaricabile gratuitamente dalla pagina http://www.garmin.com/garmin/cms/us/onthetrail/basecamp) per la visualizzazione ed analisi dei vostri percorsi, sia trasferite nello strumento GPS, per essere utilizzate come base di navigazione proprio mentre ci si muove nel territorio. La visualizzazione delle immagini BirdsEye nel solo PC è gratuita, mentre per poter trasferire le immagini anche nello strumento GPS è necessario sottoscrivere l'abbonamento al servizio (costo di circa 25€ annuale).

Garmin GPSMap62st
Videata di BaseCamp con immagine BirdsEyeTM
Garmin GPSMap62st
Una immagine BirdsEye caricata sul GPSMap62st


Inoltre è possibile utilizzare la cartografia Garmin CityNavigator per ottimizzare l'utilizzo come navigatore stradale; varie scelte di configurazione consentono di ottenere un'impostazione ottimizzata per la navigazione in automobile, con un'interfaccia simile alla linea di navigatori Garmin NUVI, senza ovviamente indicazioni vocali sostituite da toni di avviso.

Garmin GPSMap62st
Configurando la mappa in modalità 'autoveicolo' si ottiene una visualizzazione ottimizzata per la navigazione stradale; quando ci si approssima ai punti cruciali come incroci o deviazioni (freccia bianca nell'immagine) il GPS emette un tono di avviso
Garmin GPSMap62st
Varie scelte di configurazione, come la visualizzazione del 'cruscotto autoveicolo', consentono di personalizzare anche il navigatore stradale

 

 

Altre caratteristiche

Il GPSMap62st supporta molte altre caratteristiche:

  • contiene varie scelte per l'utilizzo per GeoCaching; il GPSMap62st è uno strumento ideale per gli appassionati di questa attività
  • lo strumento è molto robusto ed impermeabile, risponde allo standard IPX7 che prevede di resistere immerso nell'acqua ad un metro di profondità per almeno 30 minuti
  • come visto in precedenza, il GPSMap62st  puo' visualizzare i dati di frequenza cardiaca e cadenza di pedalata: è possibile utilizzare una fascia cardio Garmin compatibile per far rilevare allo strumento anche il dato del battito cardiaco, e per gli appassionati di bike il GPSMap62st riceve anche il segnale dal sensore di cadenza/pedalata wireless ANT+; una facile scelta di configurazione consente di rilevare ed iniziare ad utilizzare questi strumenti per espandere ulteriormente le potenzialità del GPSMap62st
  • scelte di menu aggiuntive: calcola area - calcolatrice - calendario - sveglia - sole e luna - cronometro - caccia e pesca
  • scelte di menu complete per gestione di waypoint - tracce - rotte; funzioni di proiezione waypoint, media waypoint, imposta waypoint prossimità, funzione 'punta e vai', calcola distanze
  • varie scelte di configurazione per utilizzo nautico; lo strumento ha anche un attacco apposito per antenna esterna, al quale è possibile collegare una antenna nautica
Garmin GPSMap62st
Garmin GPSMap62st

- connettività: nella confezione è incluso un cavetto USB per il collegamento al PC; la connessione puo' avvenire anche con lo strumento spento e privo di batterie; col PC si accede direttamente alla memoria interna ed eventualmente alla schedina micro se installata, entrambe viste come dischi aggiuntivi di sistema da cui e' possibile caricare o scaricare file nelle varie directory; la gestione di mappe, tracce, percorsi, fotografie, screenshots e varie è quindi immediata e facilissima. In, aggiunta, con programmi come BaseCamp e' possibile installare e gestire le mappe da e verso il GPS. Il GPSMap62st puo' anche connettersi in modo wireless direttamente ad altri strumenti GPS compatibili, per scambiare tracce, percorsi, POI etc.
Ecco come appare su PC il contenuto della memoria interna del GPS:

 

 

Caratteristiche tecniche

Caratteristiche fisiche
Dimensioni 6.1 x 16.0 x 3.6 cm
Grandezza display 4.1 x 5.6 cm; 2.6" diag
Risoluzione display 160 x 240 pixels
Display transflective, 65-K colori TFT
Peso 260 gr con batterie
Batterie 2 AA batterie (non incluse) NiMH or Litio raccomandate
Autonomia 20 ore
Impermeabile Si (IPX7)
Galleggiante no
Antenna High-sensivity si
Interfaccia USB High Speed e NMEA 0183

Memoria e cartografia
Basemap si
Cartografia opzionale si
Memoria interna 500 Mb
Alloggiamento microSD si
Waypoints 2000
Rotte 200
Registro traccia 10.000 punti, 200 tracce salvate

Prestazioni
Autorouting ( navigazione turn-by-turn) si (con cartografia compatibile)
Bussola elettronica si - 3 assi
Touchscreen no
Altimetro barometrico si
Fotocamera no
Gestione file Geocaching si
Compatibilità Custom maps si
Photo navigation (navigazione su foto georeferenziate) si
Calendario Caccia/Pesca si
Iinformazioni Sole/Luna si
Tavole maree si
Calcolo area si
Custom POI ( compatibilità aggiunta Punti di Interesse) si
Trasferimento dati Unit-to-unit ( trasferimento wireless tra unità compatibili ) si
Visualizzatore immagini no
Compatibilità Garmin ConnectTM si

 

Conclusioni

Il GPSMap62st è un GPS portatile completo, preciso, molto robusto, ideale per ogni attività outdoor, nautica, navigazione stradale. In particolare, confrontato anche con prodotti di categoria simile come l'Oregon550t, le mie valutazioni sono le seguenti:

  • durata delle batterie ottima, dichiarata di circa 20 ore che in effetti corrisponde a quella ottenuta sul campo; utilizzando luminosità al massimo e stressando lo strumento (anche per realizzare gli screenshots visualizzati in questa recensione) la durata diminuisce ma non di molto (circa 18 ore di uso intenso), sempre migliore della durata dell'Oregon550t
  • lo strumento è molto preciso, la velocità di accensione iniziale e di aggancio ai segnali satellitari è la migliore tra tutti gli strumenti testati; altimetro barometrico e bussola assicurano il massimo di funzionalità, precisione e comodità
  • funzionalità complete, rispetto all'Oregon550t non ha una fotocamera integrata (ne' la funzione di visualizzazione 3D, comunque poco utile), per il resto contiene tutto cio' che ci si puo' attendere da un GPS portatile; mi aspetterei nei modelli futuri un'evoluzione software nella gestione dei dati di frequenza cardiaca e cadenza pedalata: supportando la ricezione wireless da questi sensori esterni ed avendo cosi' a disposizione questi dati, non mi stupirei se in futuro il software presentasse una gestione avanzata come oggi troviamo nei cardiofrequenzimetri, con calcolo delle calorie consumate, grafici, soglie cardiache etc. ...!
  • lo schermo TFT a colori è di ottima qualità, leggermente piu' piccolo di quello dell'Oregon550t; l'utilizzo dei tasti, anche indossando i guanti, garantisce sempre immediatezza (con funzioni principali disponibili immediatamente con tasti dedicati) e comodità; la scelta di uno strumento con uso a pulsanti piuttosto che touchscreen dipende molto dai gusti dell'utente (la mia personale preferenza oggi ricade sui touchscreen...)
  • strumento ideale per utilizzo in outdoor, escursionismo e alpinismo e per navigazione nautica, secondariamente ottimo anche per mountain-bike e navigazione stradale
  • il GPSMap62st è leggermente piu' ingombrante e pesante dell'Oregon550t; nelle escursione effettuate per testare lo strumento comunque l'ho portato comodamente in una tasca della giacca e non da alcun fastidio, in questo ne meglio ne peggio dell'Oregon550t
  • disponibilità di cartografia varia (anche custom e da immagini satellitari), espandibilità e connettività fanno del GPSMap62st uno strumento completo e al passo coi tempi, destinato a durare e ad occupare a lungo le posizioni al top tra gli strumenti GPS portatili

 




Sharing is Caring!






FAI SENTIRE LA TUA VOCE!
Opinioni, dubbi, richieste: lasciaci un commento



Acquista in sicurezza su IAFSTORE
Sconto 10% extra sul primo ordine