Integrazione Vitamine e minerali

Inositolo: cos'è, dove si trova e a cosa serve

Inositolo: cos'è, dove si trova e a cosa serve

di in Integrazione - Vitamine e minerali

ultima modifica: 05 febbraio 2019


L'inositolo, membro 'ufficioso' del gruppo della vitamina B, agisce in stretto contatto con la colina ed è anch'esso un componente primario delle membrane cellulari, dove è presente sotto forma di fosfatidilinositolo. Anche se non è essenziale per la dieta dell'uomo, può essere utile in alcuni casi, soprattutto nelle malattie del fegato, nella depressione e nel diabete.

L'inositolo, membro 'ufficioso' del gruppo della vitamina b, agisce in stretto contatto con la colina ed è anch'esso un componente primario delle membrane cellulari, dove è presente sotto forma di fosfatidilinositolo. Anche se non è essenziale per la dieta dell'uomo, può essere utile in alcuni casi, soprattutto nelle malattie del fegato, nella depressione e nel diabete.

Fonti alimentari

L'inositolo è presente principalmente come componente delle fibre, sotto forma di acido fitico (fosfato di inositolo). Per azione dei batteri intestinali dall'acido fitico viene liberato l'inositolo. E disponibile negli alimenti di origine animale sotto forma di mioinositolo; buone fonti vegetali sono gli agrumi, i cereali integrali, la frutta secca, i semi e i legumi. L' assunzione media giomaliera di inositolo da parte della popolazione americana è di circa 1000 mg.

Segni e sintomi di carenza

Non è stato descritto alcun quadro riferibile a carenza di inositolo.

Effetti benefici

L'inositolo, come la colina, ha un effetto 'lìpotropo', favorisce, cioè, la mobilìzzazione dei grassi dal fegato. Quest'azione è essenziale per la salute di tale organo poiché il deposito di grasso e bile si associa allo sviluppo di disturbi più gravi, quali la cirrosi. L'inositolo è anche necessario per garantire una corretta funzione nervosa, cerebrale e muscolare.
L'acido fitico ha notevoli effetti anticancro e questa può essere una delle regioni per cui le diete ricche di fibre proteggono da molte forme tumoraIi(1).

Forme disponibili

L'inositolo è disponibile in commercio come monofosfato di inosìtolo.

Dosaggi specifici

Le dosi quotidiane di inositolo sono indicate di seguito.

  • Per sostenere genericamente la funzione del fegato, da 100 a 500 mg al giorno.
  • Per la depressione o i disturbi da attacchi di panico, 12 g.
  • Per la terapia del diabete, da 1000 a 2000 mg.

Avvertenze e precauzioni

I supplementi di inositolo non determinano la comparsa di alcun effetto collaterale.

Interazione

L'inositolo agisce insieme ad altri donatori di metile. Non sono note altre interazioni.

 

NOTE

1. Shasuddin AM, Inositol phosphates have novel anticancer function. J Nutr 125, 725-732, 1995.

Tag: inositolo alimentiinositolo ansia depressioneinositolo avvertenzeinositolo beneficiinositolo carenzainositolo cosa èinositolo diabeteinositolo dosaggi consigliatiinositolo dosaggioinositolo effetti beneficiinositolo fegatoinositolo fonti alimentariinositolo forme disponibiliinositolo interazioniinositolo precauzioniinositolo sintomi di carenza

Articoli consigliati:

Vanadio: proprietà, benefici, curiosità

Il vanadio (dal nome della divinità scandinava della bellezza, della giovinezza e delle lussuria) è al centro di un rinnovato interesse da parte… leggi tutto

Che cos'è il microbiota

Per microbiota si intende la popolazione di batteri, funghi, virus e protisti che convivono con noi nel nostro organismo in maniera simbiotica… leggi tutto

Glucosammina: cosa è, e a cosa serve

La glucosammina è un monosaccaride amminico presente nell'organismo umano dove funge da costituente per diverse molecole quali glicoproteine… leggi tutto