Integrazione Estratti d'erbe

Rodiola: una piccola pianta dai grandi poteri

Rodiola: una piccola pianta dai grandi poteri

di in Integrazione - Estratti d'erbe

ultima modifica: 19 giugno 2017


La rodiola rosa è una pianta perenne facente parte della famiglia delle Crassulaceae, originaria della Siberia e molto diffusa anche in Mongolia, Lapponia e in Alaska.

La rodiola rosa è una pianta perenne facente parte della famiglia delle Crassulaceae, originaria della Siberia e molto diffusa anche in Mongolia, Lapponia e in Alaska. Il suo nome deriva dalla forma dei suoi fiori che assomigliano a piccole rose (il suo nome Rhodiola rosea significa "piccola rosa"). Chiamata anche "radice d'oro" o "radice artica" la radice di questa pianta viene utilizzata per ricavare un estratto con priorità rinvigorenti, migliorando resistenza e la reazione dell'organismo a stress di tipo psicofisico.

I principi attivi della rodiola rosa

  • Glucosidi: il principale glucoside della rodiola è il salidrosalide (chiamato anche rodioloside ed è noto con il nome di rodosina) il quale è stato peraltro confermato essere il composto farmacologicamente più attivo. Questo composto è presente nella radice in concentrazioni variabili dallo 0,1 all'1%.
    Assieme al para-tirosolo (0,03-0,2) influenzano i livelli e le attività delle monoamine (dopamina, adrenalina, norepinefrina e serotonina) inibendo l'enzima responsabile della loro degradazione; le conseguenze di quest'ultimo processo sono: miglioramento delle attività metaboliche generali, miglioramento delle capacità cognitive e azione equilibratrice sui peptidi oppioidi (betaendorfine), la rodiola sembra indurne la sintesi.
    Altri glicosidi presenti nella radice, sono il rodioniside, la rosina, la rosavina, la rosarina e la rosiridina.
  • Tannini (catechine e proantocianidine)
  • Flavonoidi, polifenoli, ecc...

Le proprietà della rhodiola rosea

  • La rhodiola rosea agisce soprattutto a livello del sistema simpatico, aumentando (fino al 30%) i livelli di serotonina nel sangue nonché di adrenalina e dopamina, sviluppando in questo modo un effetto antidepressivo e migliorando le funzioni metaboliche (di cuore, fegato e muscoli).
  • Grazie all'attività antiossidante dei flavonoidi e degli acidi organici in essa contenuti contrasta l'invecchiamento cellulare e l'azione dei radicali liberi.
  • Ha proprietà antifame se assunta prima dei pasti che lipotiche (motivo per cui la ritroviamo spesso all'interno di termogenici e preworkout).
  • Aumenta l'attività dei globuli bianchi potenziando le difese immunitarie dell'organismo attraverso un effetto antimicotico e antibatterico.
  • Buon rimedio anche contro l'insonnia, difatti riducendo il livello di stress e innalzando il tono dell'umore migliora la qualità del sonno.
  • Combatte l'affaticamento, aumentando la resistenza e riducendo il tempo di recupero muscolare, principalmente grazie a un suo effetto sulla proteosintesi, determinando così una migliore performance fisica.
  • Grazie alla stimolazione della proteosintesi la rhodiola sviluppa una capacità di riparazione del DNA che potrebbe determinare il principio di una sua azione antitumorale, sia a scopo preventivo sia per la cura di metastasi (vi sono ancora studi in merito).
  • Agisce sul sistema circolatorio, contro pressione bassa e tachicardia indotti da ansia e stress.

Dosaggi

La dose giornaliera di rhodiola rosea varia a seconda delle esigenze in base a età e peso. La quantità media è compresa tra i 100mg e i 170mg. Da assumere preferibilmente al mattino appena svegli o comunque prima dei pasti principali per almeno 1 o 2 mesi. La rhodiola rosea non ha particolari controindicazioni, con dosaggi troppo elevati può provocare insonnia e irritabilità.
Ne viene caldamente sconsigliato l'utilizzo in gravidanza e durante l'allatamento nonché la sua somministrazione ai bambini. Evitare l'autoprescrizione. Sopratutto se si è soggetti a disturbi cardiaci o pressione alta, oppure in caso di esaurimento nervoso.
Da evitare assolutamente se si assumono farmaci antidepressivi, ansiolitici e barbiturici, poiché la rhodiola li rende inefficaci e ne incrementa gli effetti collaterali. Si consiglia sempre di rivolgersi al medico, o a uno specialista del settore.

Le forme con cui la rodiola viene commercializzata

In commercio la rodiola rosea si può trovare sotto diverse forma quali:

  • estratto secco
  • compresse o capsule
  • polvere sfusa
  • gocce di tintura madre
  • estratto etilico
  • olio essenziale
  • all'interno di termogenici e preworkout in composizioni con altre erbe e composti per un effetto sinergico

Tag: controindicazioni per la rodiola roseadosaggi rodiola roseai principi attivi della rodiola roseale proprietà della rodiola roseasotto quali forme viene venduta la rodiola

Articoli consigliati:

Ritenzione idrica e gambe gonfie: qual'è il giusto rimedio?

Molte di voi mi hanno chiesto come faccio a combattere la pesantezza alle gambe nei periodi estivi ed ecco subito accontentate con un super articolo. … leggi tutto

Bioflavonoidi (Vitamina P): proprietà e benefici

I bioflavonoidi, conosciuti anche come vitamina P, non corrispondono pienamente alla definizione di una vitamina. Si tratta di sostanze idrosolubili… leggi tutto

Quando si dice Cardo Mariano si dice fegato

Il Cardo Mariano è oggi tra le piante maggiormente note per il supporto alla funzione epatica: scopriamo le proprietà, i benefici e gli effetti… leggi tutto