Allenamenti

I 5 errori più comuni nel CrossFit e come evitarli

I 5 errori più comuni nel CrossFit e come evitarli

di in Allenamenti

ultima modifica: 04 aprile 2016


Il Crossfit è uno sport eccezionale, ma come tutti gli sport richiede disciplina, sacrificio e costanza: ecco i 5 errori più frequenti in cui cadono i principianti.

Chi ha provato il CrossFit lo sa: è uno sport che crea dipendenza.

È facile farsi coinvolgere e trasformarlo da hobby a stile di vita.

Tuttavia molte persone, soprattutto i principianti, tendono a cadere in errori che a breve o lungo andare condizionano le prestazioni, i risultati, e alla lunga anche il piacere di questo sport.

Errori che possono portare a traumi, sovrallenamento o anche al solo calo di prestazioni o perditya di entusiasmo.

Vediamo come organizzare un WO senza incorrere in questi rischi.

#1 - Warm up e mobility

Ad ogni allenamento è bene dedicare almeno 10-15 minuti ad un corretto warm up.

Non è direttamente collegato al sovrallenamento, ma non è nemmeno tempo perso, in quanto valido aiuto per "sbloccare" la muscolatura e facilitare i movimenti, e in questo modo ridurre il rischio di infortuni.

Inizia con 5 minuti di cardio, alzando man mano l'intensità.

Poi passa agli esercizi per la mobility, in particolar modo dei gruppi muscolari che utilizzerai nel workout.

2# - Tecnica o carico?

Il crossFit è intensità, ma come per tutti gli sport, senza la tecnica si fanno solo danni.

Spingere il proprio corpo quando ancora non si è pronti ad "aumentare il livello" porta a vari problemi, il primo dei quali è ancora una volta il rischio di infortuni.

Ma anche senza infortuni, un esercizio portato con carico eccessivo comporta un'esecuzione non corretta, che quindi va a sollecitare eccessivamente muscoli secondari, legamenti e articolazioni.

L'unico limite ad un esercizio è proprio la tecnica: invece di mettere carico e sbatacchiare qua e là il bilancere, inizia con carichi più leggeri e più gestibili e concentrati sulla tecnica di esecuzione, imparando il movimento corretto. I carichi arriveranno in un secondo tempo come normale conseguenza.

 

...l'unico limite all'esercizio è la tecnica...

twittalo

#3 - Sovrallenamento

Il sovrallenamento è in assoluto il nemico dello sport, in quanto per assurdo colpisce proprio chi più assiduamente si dedica alla propria disciplina sportiva.

Si verifica in ogni disciplina, dal bodybbuilding fino agli sport di endurance, e gli effetti sono sempre gli stessi: riduzione delle prestazioni e della voglia di allenarsi, e aumento del rischi di infortuni.

Gli atleti di crosfit sono più esposti al rischio di sovrallenamento, in quanto le sessioni sono molto brevi (ma molto intense), al massimo di 20 minuti ma spesso molto meno, e si può avere l'impressione di non aver fatto abbastanza. E così succede che ci si allena più a lungo, per più di 3 sessioni settimanali, compromettendo la capacità del corpo di recuperare tra una sessione e un'altra.

Quindi per quanto tempo devo allenarmi, e per quante volte a settimana?

Dipende: se con 3 WO a settimana sei in grado di recuperare, ovvero presentarti la settimana dopo pieno di energie e di voglia di allenarti, allora ok.

Vuoi provare 4 giorni? Stesso metodo: se energia e voglia di allenarti sono sempre ai massimi livelli, allora via libera.

Se sei un principiante, conviene affidarsi all'istruttore: stabilirà lui il WOD, la durata, e i WO settimanali.

#4 - Sottovalutare l'alimentazione

Quando si parla di Crossfit e alimentazione, si finisce sempre per parlare di paleodieta.

La Paleo Diet è una dieta basata sull'alimentazione seguita dall'uomo prima dell'invenzione dell'agricoltura, ovvero circa 10.000 anni fa: caccia, pesca e frutta spontanea.

Senza entrare nel merito della dieta paleo, la cosa evidente di una dieta di questo genere è la riduzione significativa dell'apporto di carboidrati.

Ma per un Crossfitter che si allena molto duramente per sessioni medio lunghe è opportuno avere una buona base di carboidrati, soprattutto complessi.

In questi casi è sempre importante seguire un'alimentazione variata ed equilibrata.

#5 - Non riposare correttamente

Il sonno è importante tanto quanto l'allenamento e la dieta.

Se si vuole arrivare ad ogni WO pieni di energia e di voglia di allenarsi, è necessario essere in grado di recuperare dall'allenamento precedente.

Una buona nottata di sonno apre le porte a migliori prestazioni.

E ricorda: il corpo non cresce e si fortifica durante l'allenamento, ma durante il riposo, soprattutto il sonno.

Articoli consigliati:

Allenamento completo per le gambe

Un nuovissimo allenamento completo per le gambe spiegato passo passo dall'istruttrice Silvia Matta, campionessa Mondiale di Bodybuilding femminile… leggi tutto

Allenamento braccia: triset bicipiti e set gigante tricipiti

Un allenamento per le braccia che comprende un triset per i bicipiti e un set gigante per l'allenamento dei tricipiti: focus su alta intensità… leggi tutto

Mountain Dog Training

Mountain Dog Training: allenamento sostenuto da John Meadows che prevede: tipologie di esercizi, consigli, fasi e esempio tabella esercizi. leggi tutto