Nutrizione Estratti d'erbe

Ashwagandha: la nuova proposta contro lo stress

Ashwagandha: la nuova proposta contro lo stress

di in Nutrizione - Estratti d'erbe

ultima modifica: 14 maggio 2018


Con questo articolo scopriremo cosa è l'Ashwagandha e quali sono le sue peculiarità, in particolare ci soffermeremo sulle sue tante qualità, che rendono questa pianta un alleato di gran valore per il nostro benessere, sia fisico sia psichico. Inoltre cerceremo di capire quando sia utile utilizzare questa pianta e chi potrebbe trarre i maggiori benefici dall'assunzione della stessa.

Certamente nuova non è la scoperta di come l’Ashwagandha contrasti lo stress psicofisico e sia di aiuto a prevenire gli stati di agitazione. Largamente utilizzata nell’ambito della medicina ayurvedica da millenni come potentissimo ricostituente e tonico, l’estratto di questa pianta possiede davvero dei benefici importantissimi per il nostro corpo.
Quando si producono degli integratori di livello, nulla è lasciato al caso, a ogni domanda c’è una risposta, a ogni sintomatologia la sua cura. Pertanto è necessario inserire tutte gli elementi necessari affinché l’organismo non abbia carenze di alcun tipo.

C'è un legame tra lo stress e alcune patologie?

Situazioni di stress protratte nel tempo ci conducono a sviluppare tantissime patologie (delle quali tratterò nel prossimo articolo) e considerando che i livelli di cortisolo, come anche i radicali liberi, si alzano anche quando semplicemente ci si arrabbia mentre siamo immersi nel traffico o al telefono con il capo, o anche mentre ci si allena, dobbiamo ascoltare assolutamente il bisogno di difendersi da parte del nostro organismo e garantirgli un supporto valido per alleviare gli stati di tensione quotidiani.

Una pianta “adattogena”

Qui che entra in gioco la nostra pianta dagli innumerevoli benefici che viene classificata come “adattogena”, e che come tale permette di aumentare la capacità del corpo di adattarsi, elaborando la risposta migliore, ai continui stress psicofisici che la vita quotidiana ci sottopone.
Ci si sente sempre più stanchi, irritati, e si ha la sensazione di essere sempre a terra e che non sia mai più possibile recuperare le forze fisiche e mentali. Anche le ghiandole surrenali sono sempre più in difficoltà e continuano a produrre cortisolo con tutti gli effetti negativi che ne conseguono (vedi articoli precedenti).

Le proprietà benefiche dell'Ashwagandha

La novità è che possiamo evitare queste sintomatologie grazie a questa pianta di cui solo ora possiamo apprezzarne le proprietà benefiche ipotensive, ansiolitiche, antiossidanti e antidolorifiche.
Conferisce un senso di rilassatezza, sollievo, distensione, abbassando i pericolosi livelli di cortisolo e agendo anche a livello metabolico evitando quindi i noiosi effetti collaterali tipici dell’ormone dello stress (insulino resistenza, difficoltà a dimagrire, ritenzione idrica).

Quando utilizzare l'Ashwagandha?

È ideale per gli atleti professionisti o amatoriali in prossimità di una competizione, momenti questi in cui si avverte una notevole tensione a livello psicologico, evitare dunque un calo prestativo proprio sul rush finale è di notevole importanza per ottenere il massimo e non mandare all’aria una preparazione.

L'Ashwagandha e l'ansia da prestazione

Ottimo in generale, per chi studia e vive anche il periodo prima di un esame con un senso di ansia da prestazione e quindi ha bisogno di perpretare uno stato di quiete necessaria a livello mentale.
Anche chi, come i liberi professionisti, lavora a oltranza e senza orari di sorta, vittime delle scadenze da rispettare e in preda al voler fare oltre il proprio massimo, scontrandosi così con le tensioni psichiche di tutti i giorni e a livelli prestativi altissimi.

L'Ashwagandha nel tuo protocollo di allenamento

È consigliabile in qualsiasi protocollo di allenamento per atleti o nostri clienti disposti a ottenere il massimo dal recupero. Tutti sono soggiogati da possibili stress elevati che ci mettono a dura prova, e pertanto è vivamente consigliato inserire questo risolutivo prodotto in ogni programma che facciamo, abbinandolo anche al NeuroSURGE, contenente l’estratto di rodiola grazie al quale si avrà una azione opponente di tipo tonicizzante che lavora sul mantenimento del focus mentale e della concentrazione.

Tag: ashwagandhaashwagandha beneficiashwagandha proprietàashwagandha stress

Articoli consigliati:

I benefici dei semi di pompelmo

Estratto di semi di pompelmo: la possibilità naturale per evitare gli effetti collaterali delle terapie antibiotiche e per eliminare l'antibiotico… leggi tutto

L'adenosilmetionina: cosa dobbiamo sapere

L'adenosilmetionina è un composto già presente nell'organismo che favorisce il processo di metilazione e quindi una moltiludine di processi enzimatici… leggi tutto

Ginseng: proprietà, benefici e controindicazioni

Utilizzato da sempre nella medicina tradizionale Cinese, il Ginseng ha numerose proprietà in grado di migliorare la salute agendo sull'apparato… leggi tutto